il network

Lunedì 19 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONDAGGIO

Sparare a vista sull'orso M49. Sei d'accordo?

Dopo la fuga continuano le ricerche del plantigrado accusato di essere l'autore dell'80% dei danni da grandi carnivori in Trentino

Sparare a vista sull'orso M49. Sei d'accordo?

Il nuovo presidente della Provincia Autonoma di Trento Fugatti, in perfetta continuità col precedente, ha deciso di catturare l'orso M49, accusato di essere l'autore dell'80% dei danni da grandi carnivori in Trentino. Ammesso che M49 sia responsabile del gran numero di danni che gli sono attribuiti, è provato che si è sempre tenuto lontano dalle persone e bisogna riconoscere che, oggettivamente, non sono state adottate misure di prevenzione e le azioni di dissuasione sono state sporadiche e insufficienti. Se necessario, è concesso sparare al plantigrado. Voi siete d'accordo sulla sua cattura e l'eventuale uccisione? Votate il nostro sondaggio

18 Luglio 2019

L'orso va lasciato libero

51%

Va catturato ma non ucciso

24%

Non si deve sparare all'orso

17%

L'orso è pericoloso e va fermato con ogni mezzo

7%

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2019/07/18 - 17:05

    Il Presidente della provincia di Trento ha detto di catturarlo non di ucciderlo . È una fake news.

    Rispondi

  • Dario

    2019/07/18 - 14:02

    Io lo farei catturare dagli animalisti che hanno avuto la geniale idea di lanciare orsi nel Trentino alias ma quanti danni all'ambiente ed alle persone stanno procurando questi imbecilli? Generano grossi problemi e poi pretendono che siano gli altri a risolverli. E' mai possibile che ancora nessuno li abbia mandati a farla sulle zucche? Dicono che sia propedeutico allo sviluppo delle meningi.

    Rispondi

  • Daniele

    2019/07/18 - 13:01

    Il desiderio di libertà di questo animale è commovente. Sarebbe assurdo ucciderlo dopo averlo importato dal suo territorio di origine, come è stato detto. Ma come? Prima si tenta di ripopolare il nostro territorio e poi, per qualche allevatore di capre o qualche altro produttore di miele che si reputa danneggiato, si pensa che la soppressione di questo animale li possa ripagare dei danni subiti? Bella coscienza! Diciamo allora che, come ogni altra attività, esiste il cosiddetto "rischio di impresa". E poi siamo noi ad avere antropizzato i territori di caccia degli animali selvatici e non viceversa. Forse sarebbe più opportuno reintrodurlo in un ambito territoriale più vasto, e meno popolato dall'uomo. Ma non deve essere ucciso. Sarò forse malfidato ma in Italia, quando non ci sono testimoni affidabili, si riesce a fare - ed a giustificare - di tutto, tipo: "…IMPROVVISAMENTE L'ANIMALE SI E' RIVOLTO CONTRO UN FORESTALE E (con tanto di facce afflitte) ABBIAMO DOVUTO ABBATTERLO..." No?

    Rispondi