Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SAN GIOVANNI IN CROCE

'Critica politica e non c’è la diffamazione'

4 Ristoranti, il gip Beluzzi archivia il procedimento nei confronti dei consiglieri comunali di minoranza Decò e Vezzosi

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

25 Novembre 2020 - 19:29

Furbetti del cartellino, chiesta la condanna per sette imputati

Il tribunale di Cremona

SAN GIOVANNI IN CROCE (25 novembre 2020) -  Critica politica, non diffamazione. Il gip, Pierpaolo Beluzzi, ha archiviato il procedimento nei confronti di Andrea Decò e Alberto Vezzosi, gli ex consiglieri di minoranza di San Giovanni in Croce che un anno fa presentarono due interrogazioni sul caso «4 Ristoranti», il video girato dalla casa di produzione televisiva DM – Don’t Repeat Yourself s.r.l. di Milano, per il programma condotto da Alessandro Borghese. All’Ufficio Cultura, Decò e Vezzosi chiedevano conto dei 2.550 euro più Iva «per non aver nessun accenno del complesso monumentale (Villa Medici), se non nella scritta nei titoli di coda». E chiedevano conto del perché fosse stata contatta la società milanese, il cui delegato alla produzione è il cognato della vice sindaco Erica Maglia. Le interrogazioni sono finite su Facebook. Interrogazioni insinuanti e, dunque, diffamatorie, per il sindaco Pierguido Asinari, la sua vice Maglia e Laura Nardi, responsabile delle attività di Villa Medici del Vascello. Da qui, la querela presentata contro i due ex consiglieri di minoranza che lo scorso febbraio si erano dimessi. Critica politica, non diffamazione, come aveva già ritenuto il pm, Davide Rocco, che aveva chiesto l’archiviazione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400