il network

Giovedì 26 Novembre 2020

Altre notizie da questa sezione


24 ottobre 2002

Cremona. Premio Nobel

Studente della Guido Grandi il Nobel per la Fisica 2002 Riccardo Giacconi

Cremona. Premio Nobel

Nell’archivio della media Virgilio di via Trebbia sono custoditi i registri con le pagine ingiallite dell’anno scolastico 1943-1944. Uno degli studenti era Riccardo Giacconi, astrofisico, Premio Nobel 2002 per la Fisica.

A quel tempo preside della Virgilio era Salvatore Sfilio. In quelle pagine, uno spaccato degli anni cremonesi del premio Nobel, sfollato dalla Milano bombardata e ospitato dalla zia materna, Giulia Canni, nella casa di via Robolotti. E insieme un ritratto del futuro premio Nobel, quello di un ragazzino «educato e dai modi garbati e disinvolti», simpatico e ben voluto dai compagni, ai quali passa i compiti in classe di matematica. Dotato di «una vivacità esuberante» che il piccolo Giacconi riesce a stento a frenare. Soprattutto durante le ore di educazione fisica.

Nel marzo del ‘45 Riccardo ritorna a Milano dove frequenta l’ultimo anno delle medie, o meglio del ginnasio governativo. A Milano prende la maturità. A23 anni (nel 1954) è già laureato in fisica. Due anni dopo inizia la sua avventura negli Stati Uniti.

Ecco uno dei giudizi di quegli anni:
«Ha intelligenza pronta e sensibilità. Sa lavorare personalmente rielaborando e assimilando ciò che apprende. Ha dimostrato un vivace interesse per ogni materia e promette, se riuscirà con lo stesso assiduo buon volere, di riuscire ottimamente negli studi. I suoi modi sono garbati e disinvolti, buoni sempre i rapporti con i compagni».

26 Ottobre 2020