il network

Domenica 26 Gennaio 2020

Altre notizie da questa sezione


10 gennaio 1963

Salvato da una coincidenza l’«Empire State Building»

Domate le fiamme sul più alto grattacielo del mondo

Salvato da una coincidenza l’«Empire State Building»

L'incendio, causato da un corto circuito, ha potuto esser domato perché si è sviluppato quando la maggior parte dei 18 mila impiegati che lavorano nel colosso di Manhattan, non erano ancora presenti nei centodue piani

NEW YORK. 9. — Un incendio, originato da un corto circuito, è scoppiato all'«Empire State Building» che, con i suoi 102 piani è il grattacielo più alto del mondo, ma dopo 40 minuti la N.B.C. (che, come quasi tutte le compagnie televisive di New York, ha installate nel grattacielo le sue trasmittenti) ha potuto annunciare che la «situazione è sotto controllo».

Alle 8 di stamane  i pompieri avevano ormai m pugno la situazione. Il più alto grattacielo del mondo, che sorge nel centro di Manhattan, è stato salvato da una coincidenza, che ne ha scongiurato la distruzione e forse risparmiato a tutta la città un grave disastro: gli incendi sono scoppiati prima dell’alba, quando solo alcune  centinaia dei 18 mila impiegati che lavorano nel grattacielo erano presenti nei 102 piani.

Ciò ha consentito ai pompieri di servirsi degli ascensori per raggiungere gli uffici in fiamme, lungo la struttura che si innalza per 315 metri nel mezzo di una selva di grattacieli.

Se le fiamme fossero divampate di giorno, gli ascensori sarebbero stati presi d'assalto dalla folla di impiegati, numerosa quanto la popolazione di una città, e i pompieri avrebbero dovuto attendere per iniziare l'opera di spegnimento.

08 Gennaio 2020