il network

Venerdì 23 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


19 luglio 1955

Inaugurata a Hollywood “Disneyland”

Inaugurata a Hollywood “Disneyland”

HOLLYWOOD, 18. — Trentacinquemila persone hanno assistito alla inaugurazione di «Disneyland», il grande parco la cui creazione è costata diciassette milioni di dollari, che da oggi è aperto al pubblico.

Per entrare, ogni persona «maggiore di dodici anni» dovrà pagare un dollaro. I minori di dodici anni pagheranno mezzo dollaro.

Per l'«anteprima» di Disneyland erano convenuti ad Hollywood rappresentanti della stampa di tutti gli Stati Uniti, operatori cinematografici e della televisione, e soprattutto una «serie completa» di celebrità dello schermo e del teatro.

Secondo il giudizio espresso dalla maggior parte degli ospiti, la realtà di «Disneyland» supera le descrizioni pubblicitarie che ne erano state fatte dagli specialisti di Disney.

All'entrata del parco è la ricostruzione della strada principale di una città del XIX secolo, sulla quale affacciano il municipio e l'emporio, cosi come si è veduto in centinaia di western, un cinematografo che proietta film muti ed un negozio di curiosità, il tutto in scala ridotta, per gli occhi dei ragazzi. Nella piazza di questa città in miniatura circola un tram a cavalli, dipinto in colori allegri, sul quale i piccoli visitatori possono viaggiare.

La trovata che è risultata più popolare, però, è il viaggio in battello attraverso la «terra delle avventure» e cioè attraverso tutta una serie di fiumi artificiali, in mezzo ai quali sorgono piccole isole ed il cui corso è interrotto, ogni tanto, da piccole rapide o cascate.

Per dare una definizione esatta di «Disneyland» si potrebbe dire che essa è qualcosa di mezzo tra un parco di divertimenti ed una fiera mondiale in miniatura.

Le varie Ditte commerciali hanno installato i loro stand nelle varie sezioni del parco, e vendono oggetti destinati ai bambini.

L'inaugurazione del parco è stata ritrasmessa attraverso un programma televisivo di 90 minuti, in tutti gli Stati Uniti: cosa cioè riservata soltanto agli avvenimenti di importanza nazionale. Per questa trasmissione sono state necessarie ventiquattro macchine da presa dislocate in vari angoli del grande parco. Gli spettatori hanno potuto così vedere Disney mentre, guidando egli stesso un treno in miniatura, attraversava le strade ed i viali del parco, mentre in cielo volavano 80 aerei a reazione e 500 piccioni. Inoltre essi hanno assistita alla corsa gioiosa di centinaia di bambini attraverso il ponte che conduce al castello in miniatura, un vero «castello delle fate» le cui torri si innalzano per circa 20 metri verso, il cielo.

Per costruire materialmente Disneyland è stato necessario un anno di lavoro, ma si può dire che per il momento solo tre quarti delle opere previste siano completate. La capacità «commerciale» è di circa 40.000 visitatori al giorno nei quattro settori in cui il parco si divide: «Paese delle avventure», «Paese della fantasia», «Paese delle frontiere» e «Paese del futuro».

Nel parco sono stati installati 20 ristoranti ed un giardino di cento ettari. «Disneyland » impiega circa mille persone, nei suoi vari servizi, con una spesa di circa 125.000 dollari per settimana.

L'inaugurazione di Disneyland ha completamente mutato l'aspetto del subburbio di Anaheim, (ai cui limiti essa sorge). Squadre di operai hanno lavorato giorno e notte nell'ultima settimana, per allargare tutte le strade che conducono al parco.

Dirimpetto all'entrata, è in costruzione un grande albergo che costerà dieci milioni di dollari: avrà 650 camere, sarà fornito di campi di tennis, di un campo di golf, di ristoranti ed in ogni camera vi sarà un apparecchio per la televisione a colori.

11 Luglio 2019