il network

Martedì 18 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Lettera dei benzinai ai sindaci: "Insieme per una riduzione del prezzo dei carburanti"

Le quattro associazioni di categoria chiedono l'appoggio delle istituzioni

L'ultima riunione dei benzinai cremaschi
Ridurre il costo del carburante alla pompa per i cremaschi e, contemporaneamente, preservare il proprio posto di lavoro dall’annunciata concorrenza del distributore Enercoop, ipotizzata nel parcheggio del centro commerciale Gran Rondò. Una struttura che sarebbe in grado di proporre prezzi super scontati. Con questa doppia finalità le quattro associazioni di categoria dei gestori di stazioni di servizio hanno inviato una lettera ai rappresentanti istituzionali cremaschi. Dai sindaci, sino ai consiglieri regionali e ai parlamentari. Sostengono che l’unione tra politica e imprese possa ottenere una riduzione dei prezzi di benzina e diesel che, come si evince dalla tabella a fianco, nel Cremasco e Cremonese sono superiori rispetto a quelli dei territori confinanti. In attesa che giovedì 21 novembre una delegazione dei gestori venga ricevuta dal sindaco di Crema Stefania Bonaldi, per una riunione in cui gli esercenti si attendono un impegno concreto su questo fronte, Graziano Bossi, presidente Figisc Confcommercio, Carlo Milanesi, che guida il gruppo benzinai di Ascom, Renato Arnoldi, responsabile della categoria per Asvicom, e Giuseppe Bini, di Confesercenti, ribadiscono il loro ‘no’ alla pompa Enercoop. A seguire i gestori indicano "come alternativa concreta un’azione per l’abbassamento del prezzo e il riallineamento con quello delle province limitrofe. Chiediamo all’amministrazione, alle altre istituzioni del territorio e ai suoi rappresentanti a livello regionale e nazionale, un impegno concreto per ottenere questo obiettivo. Un traguardo da raggiungere in tempi brevissimi, e, soprattutto, non per un periodo limitato. E’ indispensabile ottenere che le compagnie riallineino i prezzi nelle stazioni di servizio di loro esclusiva proprietà presenti nel Cremasco. Chiediamo, pertanto, all’amministrazione comunale di dare vita ad un tavolo di confronto e, in proposito, confermiamo sin da ora la piena volontà collaborativa delle associazioni economiche del commercio e dei servizi, e delle associazioni di categoria".

09 Novembre 2013