il network

Giovedì 12 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMASCO

Utero in affitto, coppia a processo

Mamma e papa accusati di falsa attestazione, il figlio era nato da una donna ucraina

Utero in affitto, coppia a processo

Sono andati in Ucraina marito e moglie cremaschi due anni fa per avere un figlio. Con 30mila euro hanno affittato un utero, sono diventati mamma e papà di un maschietto che hanno portato a casa e cresciuto fino all’età di un anno e mezzo, poi se lo sono visti togliere e dare in affido, perché per la procura, avrebbero commesso un reato grave: alterazione di stato.

Con l’audizione di un impiegato dell’anagrafe e di un medico, testimoni del pm Francesco Messina, ieri nei confronti della coppia si è aperto il processo (a porte chiuse e poi aggiornato al 14 gennaio prossimo) davanti al tribunale, presieduto dal giudice Pierpaolo Beluzzi.

Tutto è cominciato nel 2011, quando per far nascere il bambino, la coppia è andata fino a Kiev e ha preso contatti con la società Ltd Biotexcom Center for Human reproduction goup Reinessance. In questi casi si mette nero su bianco un vero e proprio contratto con la ‘mamma surrogata’, si stabiliscono i dettagli, si pattuisce il pagamento del servizio. Il copione è lo stesso raccontato da diverse coppie di italiani che hanno scelto questa strada e hanno fatto il viaggio della speranza. L’affitto dell’utero è costato 30mila euro. La coppia ha versato 6mila euro di anticipo, poi si sono prelevati gli spermatozoi e si è proceduto con il loro impianto nella madre surrogata. Il piccolo è poi tornato in Italia tra le braccia dei genitori. Ma è partita la segnalazione alla procura: genitori indagati, bimbo strappato a mamma e papà e dato in affido. Per l’avvocato Rizzica, “bisogna sollevare il caso a livello politico, perché la maternità surrogata è riconosciuta in diversi Paesi, il ministero degli Esteri ne prende atto, poi, però, invia alle ambasciate circolari, nelle quali si sollecita di avvisare i genitori che una volta arrivati in Italia il bambino verrà loro tolto e loro saranno denunciati”.

22 Ottobre 2013