Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. IL QUADRO

Covid, in Lombardia 26.733 positivi e 57 morti

Sono 939 i contagiati in provincia di Cremona, 4 le vittime registrate

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

16 Gennaio 2022 - 18:31

Covid, in Lombardia

CREMONA - Con 186.577 tamponi effettuati è di 26.773 il numero di nuovi positivi registrati in Lombardia nelle ultime 24 ore - 939 in provincia di Cremona - con un tasso di positività del 14,3% (ieri era del 14,4%).

Il numero dei ricoverati in terapia intensiva è di 268 (+10) e nei reparti per le terapie anti-covid è di 3.566 (+63).

Sono 57 i morti - 4 a Cremona - per un totale di 35.911 dall’inizio della pandemia.

Si chiude così con altre 4 vittime la settimana più tragica sul fronte del Covid da quasi un anno a questa parte. Per trovare un bilancio peggiore dei 25 decessi contati da lunedì, infatti, occorre tornare ai 28 dei giorni dal 29 marzo al 4 aprile 2021, quando il computo dei contagiati era stato di 1.036. Con i quattro di oggi, le vittime del 2022 sono ora 34 contro le 312 registrate in tutto il 2021 e le 1.243 del 2020.

Per quanto riguarda le province: a Milano sono 8020 i casi segnalati, a Brescia 3982, a Varese 1973, a Monza e Brianza 2269, a Bergamo 2767, a Como 1491, a Pavia 1383, a Mantova 1111, a Cremona 939, a Lecco 794, a Lodi 621 e a Sondrio 552.

2,5 MILIONI GLI ITALIANI POSITIVI.

Superati in Italia i 2,5 milioni di attualmente positivi. Secondo il bollettino del ministero della Salute sono 2.548.857, con un incremento nelle ultime 24 ore di 78.010. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 8.706.915 mentre i morti sono 141.104. I dimessi e i guariti sono invece 6.016.954, con un incremento di 79.207 rispetto a ieri.

covid

Sileri: "Entro il 2022 quasi tutti italiani incontreranno Omicron"

"OMICRON 2 NON DEVE ALLARMARE".

La cosiddetta variante Omicron 2 che "si sta diffondendo in nord Europa potrebbe essere una sottovariante di Omicron che ha però, probabilmente, le sue stesse caratteristiche, e quindi non deve allarmare perché il vaccino la copre». Lo rileva Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità di Statistica medica ed epidemiologia molecolare del Campus Bio-medico di Roma. «La vaccinazione rende inoltre la stessa Omicron sintomatologicamente più leggera, ma va ribadito che per i non vaccinati può comunque portare alla necessità del ricovero in terapia intensiva», ha avvertito. In generale, sottolinea Ciccozzi, «non credo che vedremo una variante più contagiosa di Omicron, ma è importante che la vaccinazione sia globale e omogenea in tutti Paesi per impedire l’insorgenza di ulteriori varianti». Quanto alla quarta dose vaccinale anti-Covid, "scientificamente non è consigliabile una somministrazione del vaccino ogni pochi mesi perchè si stresserebbe troppo il sistema immunitario ottenendo infine l’effetto contrario, nel senso che il sistema immunitario finirebbe per non innescare più una risposta di protezione». Israele dunque, che sta invece procedendo con le quarte dosi, conclude Ciccozzi, «ha fatto una scelta più politica che scientifica».

SILERI: ENTRO IL 2022 QUASI TUTTI GLI ITALIAN INCONTRERANNO OMICRON

«La variante Omicron raggiungerà tutti, non c'è scampo. Non c'è dubbio che entro la fine del 2022, salvo che arrivi un’altra variante, quasi tutta la popolazione avrà incontrato questa variante». Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Chi "è vaccinato sarà più protetto e potrà avere probabilmente una forma più leggera, ma chi non lo è - ha concluso Sileri - ha molti più rischi di andare in Terapia Intensiva».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400