Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. IL QUADRO

Covid: in Lombardia 115 decessi e 33.856 nuovi positivi

In provincia di Cremona 1.087 contagi. Otto le vittime, complessivamente sono 1.585

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

14 Gennaio 2022 - 18:34

Covid

CREMONA -  A fronte di 214.163 tamponi effettuati in Lombardia, sono 33.856 i nuovi positivi (15,8%), 1.087 in provincia di Cremona. Crescono i ricoverati sia in Terapia intensiva (+5) sia nei reparti ordinari (+17).

Si registrano nella regione 115 decessi, di cui 8 in provincia di Cremona. Si tratta di un numero molto alto che potrebbe essere il frutto di un riallineamento dei dati dei giorni scorsi. Resta il fatto che da inizio pandemia ora le vittime in provincia di Cremona sono 1.585 (ben 30 nei primi 14 giorni del 2022).

covid

 IN LOMBARDIA 200.000 TAMPONI AL GIORNO.

Dall'avvio delle attività della 'Task force tamponi', voluta dalla vicepresidente ed assessore al Welfare, Letizia Moratti, la Regione Lombardia ha incrementato in modo significativo la capacità di erogazione del servizio.

"Nell'ultima settimana di dicembre - segnala il responsabile Guido Grignaffini - sono stati erogati 1.174.300 tamponi, mentre nella prima settimana di gennaio (3-9 gennaio) è stata raggiunta la quota di 1.259.356 tamponi. La Lombardia, quindi, supera quasi sistematicamente la quota di 200.000 tamponi al giorno. Il 10 gennaio, ad esempio, ne sono stati eseguiti ben 286.000".

"Questi numeri - prosegue il responsabile della 'Task force tamponi' - sono il frutto di un lavoro di potenziamento della rete di offerta dei punti tamponi su tutto il territorio regionale. Un risultato raggiunto attraverso l'attivazione di nuovi centri massivi e di prossimità e l'estensione oraria dei centri esistenti".

"Abbiamo puntato molto - conclude - sul coinvolgimento di tutti gli attori del Servizio Sanitario Regionale: ATS e ASST, privati, MMG e farmacie".

Al fine di gestire al meglio le code presso i punti tampone, sono stati definiti in modo chiaro i criteri di accesso e sono stati creati dei percorsi diversificati per le varie tipologie di utenti. La distinzione riguarda sintomatici, guarigione, quarantena, sorveglianza scolastica e rientro estero. Inoltre sono state definite idonee modalità organizzative per la gestione dell'afflusso dei pazienti.

'ADOTTA UNA SCUOLA': ACCORDO CON I PEDIATRI.

Una stretta collaborazione tra Ats, Pediatri di Libera Scelta/Pediatri di Famiglia (PdF) e scuole primarie e secondarie di primo grado per la gestione dell'epidemia. È il contenuto di un accordo integrativo regionale della pediatria di libera scelta per fronteggiare l'emergenza Covid-19 nelle scuole. Lo comunica una Nota la Direzione Generale Welfare della Regione Lombardia.

Nel concreto l'accordo prevede di promuovere le seguenti azioni su base volontaria dei pediatri di libera scelta:

1. Effettuazione dei tamponi antigenici da parte dei pediatri presso il proprio ambulatorio a favore dei minori in carico per casi sintomatici, chiusure isolamento e chiusure quarantena, T0 e T5. Le Ats si impegnano ad una azione di promozione presso le amministrazioni locali per l'utilizzo di spazi pubblici limitrofi agli ambulatori dei pediatri.

2. Progetto 'Adotta una scuola', che prevede che un pediatra (o più di un pediatra per le scuole/plessi popolosi) 'adotti' una scuola nei mesi di gennaio, febbraio e marzo, secondo la seguente proposta:

- i pediatri forniscono il loro supporto all'interno della scuola, con presidi settimanali, attraverso l'esecuzione di tamponi per gli alunni/studenti e consulenza e informazioni a favore del personale scolastico;

- i pediatri che intendono aderire comunicano all'Ats la propria disponibilità (minimo 3 ore consecutive a settimana in un'unica giornata presso la sede di un istituto comprensivo individuato).

Le Ats supportano e facilitano il coordinamento delle attività tra pediatri e Istituto comprensivo e, tramite il 'portale scuola', garantiscono l'emissione di provvedimenti di quarantene e di sorveglianze.

Le Asst possono collaborare mettendo a disposizione negli istituti più grandi, personale infermieristico di supporto, in particolare infermieri di famiglia.

Il pediatra, in raccordo con la Direzione scolastica e Ats, definisce tempi e modi per offrire il servizio di testing e di counselling per le seguenti categorie: sorveglianza T0 e T5; rientro quarantene; eventuali casi sintomatici riscontrati.

L'attività di registrazione dell'esito dei tamponi è a carico di personale amministrativo di Ats e dell'istituto comprensivo, che provvede anche all'eventuale convocazione degli alunni/studenti che necessitino di essere testati.

La partecipazione all'iniziativa 'Adotta una scuola' e all'esecuzione di tamponi in studio varrà come adesione al progetto di Governo Clinico 2022. I pediatri partecipanti non avranno obbligo di aderire ai progetti di Governo Clinico che verranno inseriti nell'Accordo Integrativo Regionale 2022 per la Pediatria di Famiglia.

ISS: CURVE DI CRESCITA MOLTO SIGNIFICATIVE.

«Nelle ultime settimane la crescita dell’incidenza dei casi Covid è molto significativa e l’Rt è sempre sopra soglia. La mappa dell’Italia è caratterizzata un po' in tutte le Province da un rosso scuro che indica alta incidenza e le curve di crescita degli ultimi 14 giorni sono molto significative ad eccezione della PA di Bolzano». Lo ha spiegato il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, in un video di commento ai dati del monitoraggio settimanale del ministero della Salute-Iss.

Viene inoltre regolamentata la partecipazione dei pediatri alla campagna vaccinale sia all'interno dei loro ambulatori, sia presso gli hub vaccinali regionali.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400