Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

UN DOSSIER

Asolana sempre più a pezzi: disagi e danni

L’idea del sindaco Asinari che invita i cittadini a spedire in Comune materiale multimediale sul degrado

Email:

pierluigi.cremona@virgilio.it

15 Maggio 2021 - 06:47

Asolana sempre più a pezzi: un dossier su disagi e danni

SAN GIOVANNI IN CROCE - Un dossier dove raccogliere foto e video dei danni provocati dal cattiva manutenzione della strada provinciale 343 Asolana, per un’eventuale risarcimento danni. La situazione della pessima manutenzione della strada che attraversa il territorio di San Giovanni in Croce, ha ormai esasperato i cittadini che abitano nelle vicinanze e che hanno delle attività commerciali che vi si affacciano. Per questo l’amministrazione comunale ha deciso di chiedere la collaborazione dei proprio concittadini per raccogliere materiali per attestare il disagio provocato dal mix di traffico e asfalto rovinato.

Il sindaco Pierguido Asinari, oltre agli enti interessati in modo diretto ossia Provincia di Cremona e Anas – proprietaria della strada da poche settimane —, ha voluto coinvolgere nella questione anche i cinque consiglieri regionali del territorio Alessandra Cappellari (Lega), Marco Degli Angeli (M5S), Andrea Fiasconaro (Lega), Federico Lena (Lega) e Matteo Piloni (Pd). «La situazione è sempre più invivibile — sbotta Asinari —. I miei cittadini e io stesso siamo oltre i limiti della sopportazione. Ho perso il conto dei solleciti e delle richieste di intervento inviate alla Provincia di Cremona e ora anche ad Anas. Il risultato sono rattoppi che non fanno altro che peggiorare lo stato del manto stradale, segnato da abbassamenti, sfondamenti, rotture. Mi auguro di ottenere l’attenzione dei consiglieri regionali, la cui intraprendenza è stata dimostrata già in altre occasioni, e che il loro peso istituzionale possa aiutarci a risolvere questa problematica».

È stata quindi avviata anche una campagna di raccolta di materiale multimediale tra i cittadini, per un’ulteriore azione verso gli enti interessati. «Non possiamo lasciare all’immaginazione la comprensione della situazione che i miei cittadini residenti in via Matteotti vivono ogni giorno. Voglio che chi di dovere si renda conto di cosa significhi vedere i lampadari oscillare o le sedie spostarsi al passaggio di ogni mezzo pesante, voglio che vedano le crepe e i distacchi di intonaco che si sono formati sui muri a causa delle vibrazioni profonde che il passaggio di questi mezzi su questa strada dissestata provocano».

Video e foto-denuncia, che spesso trovano spazio sui social, verranno quindi utilizzati per un esperimento urbano di «denuncia di massa» di una situazione ormai sempre più grave che chiede a gran voce un intervento urgente, non più rimandabile nel tempo. Il materiale prodotto da residenti e esercizi commerciali, dovrà essere inviato all’indirizzo mail protocollo@comune.sangiovanniincroce.cr.it.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400