Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SANITA'

CUP, Piloni: «Chi ha bisogno di una visita o aspetta mesi o apre il portafogli»

Il consigliere regionale: «La maggioranza non affronta i tempi delle liste d'attesa»

28 Aprile 2021 - 16:36

CUP, Piloni: «Chi ha bisogno di una visita o aspetta mesi o apre il portafogli»

Matteo Piloni

MILANO (28 aprile 2021) - Oggi in commissione Sanità la Lega e i suoi alleati hanno bocciato un emendamento alla legge di revisione normativa ordinamentale proposto dal gruppo del Pd, insieme a tutte le forze di opposizione, che chiedeva di attivare entro il primo luglio prossimo un centro di prenotazione unico per strutture pubbliche e private accreditate.
 
“In Lombardia i cittadini che hanno bisogno di una visita o di un esame ambulatoriale hanno due alternative: attendere dei mesi oppure aprire il portafoglio – dichiara il consigliere regionale Matteo Piloni -. Questa situazione c'è da anni, e la pandemia l'ha ulteriormente peggiorata. In questi mesi molte strutture pubbliche hanno sospeso alcune visite e prestazioni, a vantaggio del privato che continua a fornirle”.
 
“Per iniziare a superare questi problemi, tagliare le liste d'attesa e semplificare la vita dei cittadini, siamo tornati a chiedere alla giunta regionale di obbligare i privati accreditati a mettere a disposizione le proprie agende, così da incrociarle con quelle del servizio pubblico, attraverso il centro unico di prenotazioni – fa sapere Piloni -. Purtroppo, la maggioranza - Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia - ha bocciato questa nostra proposta. Una bocciatura vergognosa, motivata solo dalla volontà di nascondere la totale incapacità della Regione di attuare un impegno preso da cinque anni”.
 
“Infatti, già nel maggio del 2016 la giunta aveva deliberato l’obbligo per i privati di rendere disponibili le proprie agende e condividerle entro il primo gennaio 2017 – ricorda il consigliere dem - ma da allora non si è fatto altro che prorogare la data d’inizio. Questo anche dopo che nell’ottobre scorso era stato stanziato un consistente finanziamento ad hoc per le strutture private accreditate per l’aggiornamento del sistema informatico e dopo che a gennaio una delibera aveva ribadito la data d’inizio per il prossimo primo luglio”.
 
“Nonostante tutto questo – spiega Piloni - sui canali di prenotazione regionale non si trovano gli slot liberi per esami e visite di molti privati accreditati, ma solo un numero di telefono della singola struttura che il cittadino deve contattare direttamente e non tramite il sistema regionale”.
 
“Un’incapacità conclamata quella della Regione e della maggioranza che la governa di cui, ancora una volta, fanno le spese i cittadini” conclude Piloni.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aletti.renzo

    28 Aprile 2021 - 17:01

    Non è tutto vero, di persona ho avuto bisogno di esami ed a breve me li hanno programmati. E pensare che il suo ministro Speranza oggi in parlamento ha chiesto di non speculare sulla sanità, ma evidentemente vale solo per una parte politica, gli altri possono fare e dire quello che vogliono. Ma le regole valgono per tutti! Non siamo in un regime, per fortuna.

    Report

    Rispondi