Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TRASPORTI. LA SVOLTA SOSTENIBILE

Canale navigabile: pronti un miliardo e 700 milioni

Grazie al Recovery plan riprende quota il progetto di completamento: 60 chilometri da Milano a Cremona e, grazie al Po, navi fino all’Adriatico

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

02 Aprile 2021 - 08:32

Canale navigabile: pronti un miliardo e 700 milioni

Ecco come sarà il canale navigabile

CREMONA (2 aprile 2021) - Un progetto da un miliardo e 700 milioni, fondi europei in arrivo e la Ue che spinge sulla sua realizzazione, per un sistema di trasporti ecologici, quell’economia green alla quale è legato gran parte del Ricovery plan: «E per il completamento del canale navigabile Pizzighettone-Cremona questa è un’occasione irripetibile». Ma dopo più di 40 anni la grande incompiuta fa ancora discutere su un punto fondamentale, una problematica mai risolta: la navigabilità del Po, una questione che rischia di dividere il, pur unito, fronte del sì al canale. Da una parte chi vorrebbe prima risolvere la fruizione del fiume, dall’altra chi sostiene invece di partire subito «visto che gli interventi non sono incompatibili, anzi».
Questo in estrema sintesi il contenuto della riunione tenuta ieri in streaming con la Regione Lombardia, in commissione Territorio e infrastrutture, sul progetto di completamento del canale navigabile, che da Pizzighettone dovrebbe arrivare a Truccazzano, alle porte di Milano, e dunque collegare il capoluogo regionale al mare Adriatico. Un progetto che farebbe ritornare Cremona e il suo territorio ai fasti di un tempo: porto intermedio tra le merci, e questa volta anche del turismo, del nord d’Italia e il mare Adriatico.

Ecco com'è oggi il canale navigabile

All’incontro hanno partecipato il direttore di Aipo, l’Agenzia interregionale per il Po, Luigi Mille, il presidente dell’Associazione italiana diritto di navigazione interna Massimiliano Grimaldi e quello della Provincia di Cremona Mirko Signoroni, il sindaco di Pizzighettone Gianluca Moggi, il consigliere regionale cremonese Matteo Piloni e il vicepresidente della commissione Andrea Monti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400