il network

Mercoledì 08 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Fase2: Fontana, clima d'odio colpisce Lombardia e me

Il governatore: «L'ospedale in fiera? Continueremo ad attrezzarlo. Si allestiranno altre strutture a Brescia e forse anche nella Bassa Lombardia»

Fase2: Fontana, clima d'odio colpisce Lombardia e me

MILANO (24 maggio 2020) - L’emergenza sanitaria «sta trasformandosi in emergenza economica e non vedo ancora piani, progetti, programmi che mi ispirino fiducia». Lo dice il governatore della Lombardia Attilio Fontana in un’intervista a Il Giorno. Oggi, sottolinea «c'è un clima d’odio che colpisce la Lombardia e anche me personalmente». I lutti «sono una cosa seria e terribile, le strumentalizzazioni politiche no». Si è deciso «di attaccare il modello lombardo, fatto di sussidiarietà, liberismo, efficienza. Concetti che si scontrano col pensiero di alcuni partiti. E con la ricetta burocratica e centralistica dei palazzi romani». Col capo dello Stato «ci siamo sentiti e ci sentiamo anche abbastanza frequentemente» e Mattarella, aggiunge Fontana «si è dichiarato molto preoccupato. A fronte di tanti veleni, il rischio è che nascano cellule impazzite, difficili da controllare». Sulla vicenda dell’ospedale realizzato in Fiera: «Continueremo ad attrezzarlo, per portare ad oltre 200 i posti in terapia intensiva» e si allestiranno altre strutture a Brescia e «forse anche nella Bassa Lombardia». Entro un mese «invieremo il progetto al governo». Il modello Lombardia «tanto criticato a Roma, ha funzionato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

24 Maggio 2020

Commenti all'articolo

  • renzo

    2020/05/24 - 10:21

    A chi non sa fare le cose, rimane solo l'odio e la denigrazione del nemico ( non avversario) è sempre stata così, è la povertà di idee e la poco lungimiranza .

    Rispondi