il network

Giovedì 12 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA, SAN DOMENICO

Corsi di recitazione nel segno di Checco Edallo

Teatro per bimbi, ragazzi e adulti

La facciata del teatro San Domenico

CREMA - Insegnare il teatro ai ragazzi nel nome di Francesco Edallo. Questa la promessa fatta dalla Fondazione San Domenico, che mai come quest’anno punterà forte sulla didattica e sulla formazione delle nuove generazioni. Lo farà ricordando il registra cremasco recentemente scomparso, che sul palco di piazza Trento e Trieste ha più volte recitato, portato in scena le sue commedie ma soprattutto insegnato l’arte della recitazione a tantissimi giovani. «Onoreremo Chicco nel modo che a lui sarebbe piaciuto di più: seminando la passione per il teatro tra le nuove generazioni» ha assicurato il presidente della Fondazione Giovanni Marotta.
La sezione ‘Accademia’ della stagione 2014/15 ruoterà attorno a quattro proposte formative che decolleranno ad ottobre e proseguiranno fino a maggio. Come annunciato dal direttore artistico Enrico Coffetti, da quest’anno i corsi si svolgeranno nell’affascinante mansarda del mercato austroungarico.
Il primo, intitolato ‘Parole come gomitoli di storie’, lo curerà Pietro Arrigoni, storico collaboratore didattico della Fondazione: il suo nuovo laboratorio coinvolgerà un massimo di 25 iscritti dai 15 ai 50 anni, che progetteranno e allestiranno uno spettacolo teatrale partendo da un testo letterario sulla prima guerra mondiale. Il costo mensile sarà di 50 euro. La prima lezione, gratuita, si terrà il 4 ottobre.
Due, invece, i corsi che terrà l’operatrice Rosa Messina (entrambi al costo di 40 euro al mese, con prima lezione gratuita il 3 ottobre). ‘A piccoli passi’ sarà rivolto ai bambini dai 6 ai 10 anni: venti i posti disponibili per il laboratorio, che farà della recitazione «lo strumento ideale per iniziare ad esprimersi e mettersi in relazione con gli altri». Gli adolescenti con un massimo di 16 anni potranno invece frequentare ‘Un nuovo viaggio’, corso che si propone di «fornire elementi tecnici e artistici che permettano ai ragazzi di esprimere meglio i loro bisogni emergenti, catalizzando nella creazione di una performance teatrale stress emotivi, intuizioni e desideri inespressi».
Il quarto ed ultimo corso di formazione, ‘Piccolo teatro delle meraviglie’, sarà invece affidato all’entusiasmo della giovane associazione Acube: in cattedra Nicola Cazzalini, che avvicinerà i ragazzi alla recitazione attraverso un approccio giocoso e divertente. Due le fasce d’età a cui si rivolge il laboratorio: dai 6 ai 10 anni e dagli 11 ai 14 anni. Costo 40 euro al mese, prima lezione gratuita il 6 ottobre.

16 Settembre 2014