il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Scuola di Cl, c'è l'interesse di due privati

In attesa delle aste, prime proposte per il riutilizzo

Scuola di Cl, c'è l'interesse di due privati

Il cantiere del complesso scolastico di Cl

CREMA - Mentre si attendono con impazienza le aste, attorno al cantiere della ex scuola di Comunione e Liberazione si stanno muovendo i primi interessi. Un’azienda privata nel campo della sanità, già operante in città, ha preso informazioni dal progettista dell’opera riguardo all’edificio principale, quello in più avanzata fase di realizzazione, che avrebbe dovuto ospitare la scuola. L’idea è quella di trasferirvi la propria sede e i propri ambulatori. Una società milanese, invece, che gestisce alcuni auditorium in Italia, ha chiesto notizie in merito a quello da 680 posti che sarebbe dovuto sorgere nell’area della ex cascina Valcarenga e del quale al momento esiste soltanto la struttura portante.
Entrambe le operazioni sono realizzabili, in quanto rientrano nelle attività di interesse pubblico per le quali l’area è vincolata ancora per altri cinque anni.
Perchè le idee possano trasformarsi in progetti concreti serve tuttavia che il tribunale di Cremona autorizzi lo svolgimento delle aste. Il geometra cremasco Romano Pedrini, incaricato dal curatore fallimentare della Charis, Alessandro Bani, di redigere le perizie degli immobili, ha già consegnato il risultato del proprio lavoro. Mentre si attende il via libera, e mentre si aspettano le nuove elezioni della Provincia, sembra perdere forza l’idea di un riutilizzo del cantiere come scuola pubblica.

 

14 Settembre 2014