il network

Giovedì 21 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Ambulatorio 'vietato' ai disabili

In via Vittorio Veneto, l'ostacolo è un gradino di 10 centimetri

Ambulatorio 'vietato' ai disabili

Il gradino del vialetto di accesso all’ambulatorio

CREMA - Un gradino di dieci centimetri può rappresentare un serio ostacolo per chi si muove in carrozzina. A maggior ragione un dislivello simile è deleterio se posto all’entrata del vialetto di accesso di un ambulatorio comunale dove si recano soprattutto anziani. Accade nel quartiere di San Bernardino. A segnalare il problema, denunciando le difficoltà di chi fatica a deambulare, è Giuseppe Tavazzi, ex dipendente comunale che vive a due passi dal presidio inaugurato nei mesi scorsi. Un locale che si trova al piano terra del civico trenta di via Vittorio Veneto, all’interno del complesso di case popolari. «Basterebbe mezza giornata di lavoro da parte degli operai del Comune — spiega Tavazzi — per realizzare uno scivolo che elimini il dislivello in modo che chi è in carrozzina possa facilmente superare l’ostacolo. Tutti i giorni vedo una signora molto anziana che abita in questo complesso di appartamenti che deve sempre essere accompagnata altrimenti non potrebbe uscire di casa. Lo stesso vale per quegli anziani che hanno necessità di recarsi all’ambulatorio». Il presidio, che rientra nel progetto Porta, è diventato un punto di riferimento soprattutto per persone in là con gli anni che hanno bisogno di prestazioni infermieristiche di base, di un sostegno psicologico o di informazioni sui servizi comunali. E’ aperto due mattine alla settimana, il lunedì dalle 9,30 alle 11,30 e il giovedì dalle 10,30 alle 12,30, con la medesima suddivisione oraria.

02 Settembre 2014