il network

Giovedì 12 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


NEL PARCHEGGIO DELL'OSPEDALE

Collaboratrice della Provincia aggredita da cinque senegalesi

La ragazza stava realizzando un servizio e scattando alcune foto

Collaboratrice della Provincia aggredita da cinque senegalesi

Ambulanti nel parcheggio dell'ospedale Maggiore

CREMA - Tentativo di aggressione stamattina, martedì 22 luglio nel parcheggio dell'ospedale Maggiore. A farne le spese una collaboratrice del giornale La Provincia mentre armata di tablet stava intervistando i passanti in merito all'atteggiamento degli ambulanti, per lo più senegalesi, che stazionano nei pressi. Accortisi che la giovane stava scattando loro delle fotografie, cinque ambulanti l'hanno circondata e minacciata ottenendo la cancellazione delle foto appena scattate.  I responsabili sono già stati identificati e denunciati alla polizia.

22 Luglio 2014

Commenti all'articolo

  • Arcangela

    2014/07/28 - 14:01

    Ma che centra il politically correct? detto che ognuno ha la propria sensibilità, voglio portare l'attenzione su un modo di far titoli che lascia parecchio a desiderare (almeno agli standard europei...). Poi, ripeto: come già scritto, sfogliando le pagine della provincia, non leggo mai di "piacentino accoltella cremonese"; oppure: "casalese aggredisce cremasco", ecc. ecc. Vedete un po' voi perché.

    Rispondi

  • paolo

    2014/07/24 - 18:01

    Non mi pare ci sia alcun tipo di discriminazione. In qualsiasi tipo di articolo (dalla nera allo sport) viene riportata la nazionalità sia che si tratti di un italiano, francese, camerunense, cinese ecc... Il politically correct esasperato sta portando alla rovina questo paese......

    Rispondi

  • Arcangela

    2014/07/23 - 10:02

    Naturalmente tutte quelle storie sul diritto alla privacy non esistono per i "senegalesi"?? Senegalesi, già... perché non utilizzare queste espressioni per la cronaca locale? tipo: offanenghese accoltella castelleonese; oppure: cremonese insulta casalese? ecc. ecc. invece no, non capita per gli "italiani" di esser definiti così, ma capita ad africani, cinesi, albanesi, kosovari... ma vi rendete conto che la discriminazione si nasconde già nelle parole che usate?

    Rispondi