il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CASALE CREMASCO

Rapina in casa dell'ex sindaco

E' Maria Grazia Maghini la vittima dei malviventi

Rapina in casa dell'ex sindaco

Maria Grazia Maghini

CASALE CREMASCO — Non ce la fa nemmeno a parlare, si scusa con poche parole di circostanza e chiude la porta. Maria Grazia Maghini, 68 anni, fino al 26 maggio scorso sindaco del paese, ha vissuto minuti di vero terrore giovedì 12 nella notte, poco dopo l’una: si è trovata faccia a faccia con i banditi che le stavano svaligiando casa e si è vista puntare un seghetto appuntito alla gola. Il fatto è avvenuto in via delle Ronche che alle 2 era affollata dai carabinieri e dai vicini. Uno di loro ha sentito una specie di urlo soffocato, mentre era in corso la rapina. La vittima infatti è stata prima zittita con una mano sulla bocca e poi immobilizzata.

I ladri, l’una è passata da pochi minuti, sono all’interno della villetta e stanno rovistando nei cassetti (probabilmente sono gli stessi che hanno colpito in un’altra abitazione sempre a Casale: anche il quel caso, come vedremo, i proprietari erano in casa). Maghini se li trova di fronte svegliata dai rumori, urla, ma i due le sono subito addosso: uno le tappa la bocca e l’altro la immobilizza. Si tratta di delinquenti spietati, con poco da perdere e quindi molto pericolosi. Le puntano il seghetto alla gola e si fanno consegnare settecento euro, una scatola con monili d’oro e tre chitarre di pregio, per un bottino di circa 6 mila euro. Dopo le ultime minacce se ne vanno.

L’ex sindaco chiama immediatamente soccorsi. Arrivano i carabinieri che avviano le indagini e la caccia all’uomo che però darà esito negativo. Maghini è scossa, ma non ha riportato ferite: rifiuta di farsi visitare all’ospedale. Come detto poco prima un’altra abitazione è stata svaligiata: all’interno c’era una rumena di 46 anni che fortunatamente, è il caso di dirlo, non si è accorta dell’effrazione. I ladri hanno portato via alcuni oggetti di valore e la Saab 93 del marito che era parcheggiata in strada. Le indagini sono in mano ai carabinieri del nucleo Radiomobile di Crema e della stazione di Camisano: assoluto riserbo su quanto la Maghini ha raccontato dell’aggressione. Si sa solo che i banditi erano due e indossavano un passamontagna in volto. Pare scontato che la banda sia la stessa che ha colpito anche nell’altra casa viste le modalità e il fatto che abbiano agito senza preoccuparsi del fatto che nelle abitazioni vi fossero i proprietari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

13 Giugno 2014