il network

Lunedì 18 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Caroaffitti, negozi del centro proibitivi

E' tra le città più care della Lombardia

Caroaffitti, negozi del centro proibitivi

Negozi del centro a Crema

CREMA - Lo studio elaborato dell’associazione Albatros mette in luce, nero su bianco, la ‘stangata’. E basta un giro nel salotto cittadino, a parlare con i commercianti per trovare la conferma: Crema è cara. Troppo cara. Voglia di mostrare la faccia non c’è, ma qualcuno ti porta nel retro del negozio, apre il cassetto della scrivania e tira fuori il contratto di locazione: in centro si parte da un affitto annuo di 15mila euro (sono i contratti vecchi), per arrivare anche a 100mila euro chiesti a un negozio (l’area complessiva occupata arriva a quasi 250 metri quadrati) nel cuore del salotto cittadino. Diverse le variabili. Ci viene spiegato che molto incide la posizione (se lungo l’asse dello shopping per eccellenza o leggermente defilati), la metratura e fattore determinante il numero di vetrine.

«Uno può avere anche un negozio ‘lungo’ — ci viene detto — nel senso che la metratura è buona, ma se può contare su una sola vetrina il canone di affitto si abbassa». E a proposito di riduzioni, alcuni commercianti informano che con quest’anno, complice la crisi, pagano anche un 20% in meno rispetto all’importo iniziale. 

Detto questo Crema rimane comunque tra le città più care della Lombardia. L’associazione Albatros, oltre a fornire i riscontri oggettivi illustra anche le possibile cause: aspettative legate all’aumento demografico, la maggior disponibilità (anni fa) finanziaria e l’idea del commercio facile. Il risultato è  che in meno di un chilometro quadrato ci sono cento negozi di abbigliamento. Non troppi, ma sicuramente tanti. L’impennata della domanda (ed è una semplice legge di mercato) ha fatto aumentare i costi, con il risultato odierno. Che, in soldoni, è il seguente: quando un commerciante alza la saracinesca, nella migliore delle ipotesi (affitto di 15mila euro annui) deve mettere in conto 41 euro di spesa giornaliera solo di locazione. Per arrivare al top di 273 euro. Troppi per molti commercianti. E se è vero che il bilancio è positivo (ci sono più aperture che chiusure) è altrettanto vero che il turn over è altissimo e ormai in città si vedono solo catene in franchising. Senza dimenticare chi non riesce a far fronte all’affitto e occupa ‘abusivamente’ il negozio in attesa dello sfratto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

31 Maggio 2014