il network

Lunedì 18 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Lo sport per 'riconquistare' i giardini

Ritorna 'Coni Event Point' nell'area di Porta Serio

Lo sport per 'riconquistare' i giardini

Gilardoni, Perez, Barbone e Masseroni

CREMA - Preambolo gossip. La star è lui, Amaurys Perez, che se fosse rimasto nella vasca della pallanuoto, sarebbe conosciuto solo ai tanti appassionati che lo hanno salutato campione mondiale con l’Italia nel 2011 a Shanghai. Ma essendo balzato agli onori della gloria televisiva come il bello dell’ultima edizione di ‘Ballando sotto le stelle’, ecco che si scatenano i ‘selfie’ delle ragazzine (e non solo). Paso doble, mossa di bacino e ciao ciao palombella. Il clima era sereno e giocoso martedì 27 maggio ai Giardini di Porta Serio alla presentazione della seconda edizione di ‘Coni event point’, quest’anno sotto l’egida di ‘Crema città Europea dello sport’, così come sarà proclamata la città nel 2016.

Insieme al pallanuotista, sul piccolo podio allestito a fianco del ‘Chirinquito’ altri campioni: Daniele Gilardoni, 11 volte campione del mondo di canottaggio, Daniela Masseroni, argento ad Atene 2004 e pluricampionessa del mondo di ginnastica ritmica e Daniele Barbone, ultrarunner arrivato 47esimo alla 100 chilometri del Sahara. Accanto a loro le istituzioni: il vicepresidente regionale del Coni Lombardia, Adriano Pucci Mossotti, il referente cremasco, del comitato olimpico, Fabiano Gerevini, il sindaco Stefania Bonaldi, l’assessore al Bilancio Morena Saltini, i consiglieri comunali, Walter Della Frera, con delega allo sport e Matteo Gramignoli coordinatore del progetto e Mimmo Lobello che dello stesso è ideatore.

Un progetto che prevede tanto sport (anche da seduti, con un maxischermo dove erano proiettate tutte le partite del Mondiale brasiliano), la presenza soprattutto di tanti giovani, di giorno, ma anche di sera. Perché il segnale ora come l’anno scorso è quello di una ‘riconquista’ dei Giardini. Al centro dell’attenzione più per la cronaca nera che per l’intrattenimento delle famiglie. «Questo è un luogo molto caro ai cremaschi — ha detto il sindaco — e deve ritornare a essere fruibile di giorno come di sera, popolato di ragazzi che vogliono fare sport e che vogliono divertirsi in modo sano. Apriremo ancora il Chiringuito, in modo che il parco diventi attrazione per le famiglie, per chi vuole godersi il fresco in un ambiente sano».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

27 Maggio 2014