il network

Giovedì 12 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Parco giochi sporcato dai cani

Padroni incivili in via Pagliari, non rispettano il divieto d'accesso all'area verde e non raccolgono i bisogni canini

Parco giochi sporcato dai cani

Il parco giochi in via Pagliari a Ombriano

CREMA - Deiezioni canine lasciate a terra in un piccolo spazio verde in cui è vietato l’accesso ai cani e dove giocano solitamente i bambini del quartiere.

Si lamentano i residenti di via Pagliari a Ombriano, per il comportamento incivile di alcuni residenti e per l’assenza di controlli da parte della polizia locale. Nonostante ci sia un preciso regolamento municipale che obbliga a raccogliere i bisogni dei cani e prevede multe salate per chi non rispetta le regole. 

«Anche io ho un cane — racconta Angiola Conchieri, che vive nella zona — ma quando lo porto fuori non lo lascio certo senza guinzaglio libero di scorrazzare dove ci sono i bambini e soprattutto mi premuro di raccogliere i suoi bisogni. Credo che basti poco per comportarsi in maniera civile, ma ogni giorno o quasi mi capita di vedere persone che se ne fregano a tutto danno della collettività. Recentemente mi sono anche rivolta ad un agente di polizia locale che passava nei pressi del parco segnalando i comportamenti scorretti. Di fronte alla mia richiesta di controlli, sono stata liquidata in malo modo».

A Ombriano da qualche tempo è stata attrezzata dal Comune un’area ‘ad hoc’ per lo sgambamento cani, che si trova nei pressi della palestra di via Toffetti, a poche centinaia di metri da via Pagliari. Ma ciò sembra non interessare i soliti incivili. Anzi qualcuno, forse infastidito dal divieto, ha pensato bene di abbattere il cartello che vieta l’accesso ai cani nel parchetto di via Pagliari. 

«Così non si può più andare avanti — conclude la signora — non è giusto che mamme, papà e nonni, quando portano i loro figli e nipoti nel giardino debbano sempre fare i conti con gli escrementi di cane o con il rischio che qualche animale, allontanatosi dal padrone, possa aggredire un bambino. E’ ora che chi ha competenza in merito intervenga — conclude la signora — e si aumenti la sorveglianza. Chiediamo una maggior presenza dei vigili per punire chi non rispetta le regole».

 

23 Maggio 2014

Commenti all'articolo

  • Adriano

    2014/05/24 - 16:41

    Ormai i cani contano più delle persone. I loro padroni lasciano impunemente sparse per la città le deiezioni dei loro animali!

    Rispondi