il network

Martedì 10 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Martedì 20 maggio i funerali della piccola Adelaide

Eseguita l'autopsia sul corpo della bambina di un anno morta al Maggiore di Crema

Martedì 20 maggio i funerali della piccola Adelaide
CREMA - Il corpo della piccola Adelaide Croce sabato 17 maggio è tornato nella villetta dei genitori a Romano di Lombardia. E lì è stata allestita la camera ardente. I funerali avranno luogo nella giornata di martedì 20 per permettere ai molti amici della famiglia di poter essere presenti. Sino a sera, del resto, non si è mai interrotto il flusso di quanti hanno voluto far sentire la loro vicinanza a papà Antonio e mamma Claudia. Ed è facile prevedere che la parrocchiale faticherà a contenere tutti il giorno dell’addio
Nella mattinata di sabato, all’ospedale di Crema, è stata eseguita l’autopsia sul corpo della bimba di un anno, morta mercoledì al Maggiore, dopo essere stata sedata per essere sottoposta ad una gastroscopia (esame prescritto sulla scorta di una diagnosi di celiachia). Gli anatomopatologi, stando almeno alle prime indiscrezioni che però non hanno avuto conferme ufficiali, non avrebbero riscontrato lesioni interne evidenti. Da subito, del resto, era stato ipotizzato che a causare la morte fosse stata una reazione al farmaco anestetico. Ma per il responso delle analisi biochimiche, che verranno eseguite sui campioni di tessuto prelevati durante l’autopsia, sarà necessario attendere settimane
 "Mia figlia era sana, aveva solo una debolezza alimentare", aveva da subito sottolineato il papà della bimba. Adelaide, da un mese, era soggetta ad episodi di rigurgito di cibo. E di qui l’approfondimento diagnostico, con la prescrizione della gastroscopia. Ma non appena iniettato l’anestetico, la piccola ha accusato una fibrillazione ventricolare, cui ha fatto seguito l’arresto cardiaco. Vane le due ore di tentativi di rianimazione, cui è stata sottoposta, con l’equipe medica in collegamento con i centri pediatrici di riferimento di Pavia e Bergamo. Tre, a livello di atto dovuto, i sanitari del Maggiore iscritti nel registro degli indagati per la vicenda.

17 Maggio 2014