il network

Giovedì 18 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Domenica senza auto
Esplode la protesta

I consiglieri d'opposizione Beretta, Torazzi e Agazzi criticano il blocco del traffico indetto dall'amministrazione comunale

Gli scarichi delle auto sono tra i responsabili dell'inquinamento atmosferico
«Vorrei sapere se i carri di carnevale domenica verranno trainati dai buoi o se per i loro trattori che scaricano gas tossici sui bambini l’ordinanza non vale». La butta sul ridere, Simone Beretta, consigliere comunale di Forza Italia, che commenta la Giornata ecologica indetta dall’amministrazione comunale. Una decisione che ieri ha infiammato i social network con commenti favorevoli e soprattutto contrari. «La seconda domanda che pongo — prosegue Beretta — è chi paga il Miobus? C’è una delibera che mi è sfuggita o è un regalo dell’azienda di trasporti? E poi, ma davvero il comitato carnevale è favorevole all’iniziativa che rischia di tenere lontano il pubblico?». Ancora più tranciante il commento di Alberto Torrazzi, consigliere della Lega Nord. «Questa iniziativa non serve ad abbattere la percentuale delle polveri sottili presenti nell’aria; è soltanto uno spot. Se si voleva darle una funzione educativa, andava gestita meglio. E’ un’operazione emozionale e di facciata che nulla ha a che vedere con l’ambiente. Bisognerebbe creare le condizioni affinchè la scelta ecologia sia dettata da un’educazione e non da un obbligo». Torazzi giudica la decisione negativa anche per i commercianti. «Bastava già il carnevale a danneggiare i negozi. Una famiglia che paga quattro biglietti di ingresso, è inevitabile che spenderà sempre meno». Non pregiudizialmente contrario, ma con molti distinguo, è Antonio Agazzi, anch’egli consigliere di opposizione. «Queste iniziative hanno un valore più simbolico che pratico e permettono all’assessore Giorgio Schiavini di fare qualcosa in più rispetto alle ‘ciclabili per un giorno’. Trovo eccentrico che l’ordinanza valga anche per le auto elettriche, ma ciò che non va è che si fa affidamento sul Miobus, che è un servizio pieno di limiti col quale i cremaschi hanno scarsa confidenza. Non credo che domenica avrà un picco di utilizzo».

26 Febbraio 2014