il network

Lunedì 17 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA. PIAZZA MARCONI

Ciclabile sbuca sul marciapiede
Pericolo quotidiano per i pedoni

Ieri l'ennesimo incidente, fortunatamente senza conseguenze. Chiesti uno specchio parabolico o un dissuasore di velocità

Ciclabile sbuca sul marciapiede
Pericolo quotidiano per i pedoni

L'angolo tra via Tadini e piazza Marconi

I pedoni non vedono arrivare i ciclisti, i ciclisti non vedono arrivare i pedoni. C’entra poco la sfortuna con i frequenti incidenti — per fortuna lievi, fino ad ora — che periodicamente si verificano all’incrocio tra via Tadini e piazza Marconi: la pista ciclabile che corre a fianco della strada sbuca infatti sul marciapiede che fiancheggia la piazza, senza alcuna possibilità per chi la percorre di vedere anticipatamente se stia arrivando qualcuno. Basterebbe uno di quegli specchi parabolici contemplati dal Codice della strada proprio per risolvere situazioni di assenza di visibilità, o perlomeno una barriera che obblighi i ciclisti a rallentare in prossimità dell’incrocio (dove peraltro ci sono anche le strisce pedonali). In assenza di precauzioni del genere, gli incidenti sono pressoché inevitabili. Ieri l’ennesimo scontro: una signora che stava camminando tranquillamente sul marciapiede è stata urtata da un bicicletta che sopraggiungeva da via Tadini. Tanto spavento ma per fortuna nessuna grave conseguenza. La speranza dei residenti e di chi frequenta abitualmente la zona è che il Comune possa intervenire per mettere in sicurezza l’incrocio prima dell’arrivo della bella stagione, quando il maggiore utilizzo delle biciclette aumenterà notevolmente il rischio di incidenti.

20 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • PFG

    2014/02/20 - 17:05

    ...Qua a Milano i ciclisti sfrecciano sul marciapiede (non ciclabile), e sono i pedoni a doversi preoccupare del pericolo...

    Rispondi

  • Stefano

    2014/02/20 - 15:03

    La mia speranza è che la gente impari il significato di due parole: "rispetto" e "senso civico"... I ciclisti che arrivano e vedono le strisce pedonali, potrebbero (dovrebbero) rallentare aspettandosi appunto che sulle strisce pedonali possa transitare qualche...pedone! Anzi, a voler guardare nelle pieghe del codice della strada, con una segnaletica del genere i ciclisti prima di impegnare l'incrocio dovrebbero scendere dalla bicicletta. Purtroppo abbiamo tutti il vizio di pretendere sempre dagli altri (amministrazioni) senza preoccuparci di fare la nostra parte...

    Rispondi