il network

Mercoledì 19 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREDERA RUBBIANO

Allarme sicurezza, Savino: "Le ronde sono illegali, meglio chiamare il 112"

Il capitano dei carabinieri ha incontrato i residenti dopo i furti dei giorni scorsi: "Abbiate fiducia nel lavoro delle forze dell'ordine"

Il pubblico presente all'incontro
CREDERA RUBBIANO — Sala consiliare gremita per l’assemblea pubblica sulla sicurezza indetta dal sindaco Matteo Guerini Rocco. I furti che hanno interessato numerose abitazioni di Credera Rubbiano e Rovereto negli scorsi giorni hanno allarmato i cittadini, spinti a chiedere a gran voce un confronto con le forze dell’ordine. Confronto che ha avuto luogo sabato, quando il capitano dei Carabinieri di Crema Antonio Savino ha risposto alle perplessità dei cittadini. «La sicurezza è un bene pubblico. La collaborazione tra cittadinanza e noi carabinieri è fondamentale», sostiene il comandante della compagnia di Crema dell’Arma. Il furto va preparato. In quel momento, quando si nota qualcosa di sospetto come auto o individui sconosciuti aggirarsi intorno alle case, si deve essere tempestivi nel chiamare il ‘112’ e segnalare l’anomalia. Un invito ad ‘alzare il livello d’attenzione’ e ad avere fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine, insomma. Stimolato dalle domande incalzanti dei presenti in cerca di soluzioni più concrete, il capitano Savino ha sottolineato l’importanza di non prendere iniziative personali che possano comportare conseguenze peggiori. Con l’aiuto del sindaco ha cercato così di far capire come le ‘ronde’ dei cittadini, tanto reclamate da alcuni residenti, siano illegali (possono essere autorizzate solo dal Prefetto), così come non è consigliabile imbracciare armi. La soluzione migliore resta sempre quella di chiedere l’aiuto dei carabinieri. Certo non guasterebbero le porte elettroniche e le telecamere che alcuni comuni hanno scelto di installare nei paesi. Lo stesso cittadino dovrebbe poi attrezzarsi con allarmi antifurto o altri dispositivi di sicurezza.

17 Febbraio 2014