il network

Giovedì 20 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Le mura venete cadono a pezzi
Frana il torrione Porta Serio

Le piogge e la pressione delle radici provocano l'ennesimo crollo. L'ex assessore Mariani: "E' ora di valorizzarle"

Le mura venete cadono a pezzi
Frana il torrione Porta Serio

La sommità del torrione di Porta Serio

Un’altra parete che si sgretola, un altro pezzo di storia che va in frantumi. Ennesimo crollo lungo la cinta muraria della città. E' accaduto al torrione di Porta Serio, in piazza Garibaldi: una parete, indebolita dalle abbondanti piogge, è crollata sotto la spinta pressante di alcune grosse radici. La cascata di mattoni si è riversata sul lato interno delle mura, in corrispondenza del cortile della sede della Croce Rossa Italiana. A ridosso del muro caduto, tra l'altro, inizia uno dei tunnel sotterranei costruiti nella pancia delle fortificazioni. La galleria permette di arrivare in pochi passi, attraverso cunicoli bui ma ancora in discrete condizioni, sulla sommità del torrione di Porta Serio. «Percorerre quei tunnel è un’esperienza unica che profuma di storia – spiega il restauratore Paolo Mariani, ex assessore comunale alla Cultura —, basterebbe qualche piccolo intervento per metterli a disposizione dei cittadini». L’idea è quella di replicare a Porta Serio quanto già realizzato al parco Chiappa, in via Monte di Pietà, dove si può salire sulle mura venete: «La sommità del torrione diverrebbe un piccolo belvedere da raggiungere attraverso un’affascinante camminata lungo i cunicoli delle mura. Sarebbe una cartolina meravigliosa per i turisti, ma anche l’occasione per i cremaschi di riappropriarsi di un patrimonio che gli appartiene e che oggi, purtroppo, sta cadendo a pezzi».

15 Febbraio 2014