il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Pali in tangenziale per sorreggere il sovrappasso di via Macallè

Scelta della Provincia per evitare nuovi cedimenti, in attesa di abbattere e rifare il manufatto in primavera

Piazzare dei pali al centro della tangenziale per sostenere il sovrappasso di via Macallè, ed evitare che possa ulteriormente deformarsi. E’ la soluzione scelta dalla Provincia in attesa di dare il via ai lavori per rifare completamente il ponte, chiuso al traffico dal novembre scorso per il pericolo causato da un cedimento strutturale. I puntelli saranno sistemati lungo la linea di mezzaria della strada, creando una sorta di isola spartitraffico. Sino a primavera, periodo in cui dovrebbe partire il cantiere per realizzare il nuovo ponte, il passaggio di ciclisti e pedoni sul sovrappasso che collega la città con San Michele di Ripalta Cremasca sarà ancora possibile. C’è da augurarsi che, nei due mesi in cui rimarranno installati i sostegni al centro della tangenziale, nessun automobilista, o camionista, in transito perda il controllo del veicolo andando ad invadere la corsia opposta e abbattendo i puntelli. Nel tratto di strada in questione è da sempre in vigore il divieto di sorpasso, come si evince dalla linea continua della segnaletica orizzontale, e il limite di velocità è di 70 chilometri orari. La decisione di utilizzare il sistema di pali è stata presa dopo diversi sopralluoghi portati a termine dai tecnici incaricati dalla Provincia. Non era possibile lasciare per altri due o tre mesi senza sostegni il ponte ammalorato, a meno di non rischiare un peggioramento della situazione. Seppur remota, ci sarebbe stata anche la possibilità di un cedimento definitivo del sovrappasso. Il cantiere comporterà inevitabili disagi per il traffico, durante tutta la fase di posa della segnaletica e dei puntelli. Il periodo necessario a questi lavori durerà almeno sino al 5 marzo, in base all’ordinanza emessa dall’ufficio viabilità dell’ente cremonese e firmata dall’ingegnere capo Patrizia Malabarba. Da quando gli operai apriranno il cantiere, ieri si sono limitati ad un primo sopralluogo, lungo il tratto di tangenziale interessato dall’intervento sarà in vigore il limite di velocità a scalare da 70 sino a 30 chilometri orari. I puntelli occuperanno alcuni metri a cavallo della striscia di mezzaria della tangenziale. Si creerà così una specie di aiuola spartitraffico che sarà adeguatamente delimitata con new jersey e segnalata con cartelli e illuminazione, in modo da renderla ben visibile anche in caso di nebbia. Inevitabile il restringimento di carreggiata, per una lunghezza di circa 40 metri. Durante il cantiere, inoltre, sarà anche istituito il senso unico alternato, regolato da un semaforo provvisorio o dai movieri, in modo da permettere lo svolgimento dei lavori in sicurezza.

13 Febbraio 2014