il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Infarti e tumori, ecco
i 'killer' dei cremaschi

Report dell'Asl sulle cause dei decessi: picco anomalo del cancro allo stomaco, ma complessivamente la mortalità è in calo

Infarti e tumori, ecco
i 'killer' dei cremaschi
Eccesso di mortalità per i tumori dello stomaco. Questo il dato più anomalo che si registra dall’analisi delle cause dei decessi nel Cremasco. Il report, redatto dall’Asl di Cremona e riferito all’anno 2012, può essere accolto — per quanto possibile visto l’argomento — con soddisfazione: nel nostro territorio si registra infatti un progressivo decremento della mortalità per tutte le principali cause, con l’unica eccezione delle malattie del sistema nervoso. Ma di cosa si muore nel Cremasco? Innanzitutto di malattie cardiovascolari, responsabili del 37% dei decessi e incisive soprattutto nella fascia di età degli over 75. Di poco inferiore il peso dei tumori, che provocano il 32% dei decessi e che rappresentano la principale causa nelle persone di età compresa tra i 45 e i 74 anni. Sotto i 45 anni, invece, prevalgono le cause di morte non naturali (4%): riassunte nella categoria ‘traumatismi e avvelenamenti’, per la maggior parte sono conseguenza di incidenti stradali. Più incisive, complessivamente, rimangono comunque le malattie dell’apparato respiratorio (6%) e quelle del sistema nervoso e degli organi dei sensi (5%), mentre si attestano al 4% anche le malattie dell’apparato digerente e quelle endocrine, nutrizionali e metaboliche. Stringendo il campo sui tumori, invece, il nostro territorio fa registrare invece un preoccupante dato relativo al cancro allo stomaco: nel 2012, a Crema, la malattia ha ucciso 31 uomini e 17 donne, numeri anomali se paragonati alle altre aree della provincia. Lo stomaco non è comunque l’organo più colpito in assoluto dal cancro: nei maschi prevalgono i tumori della trachea, dei bronchi e dei polmoni (52 casi) seguiti da quelli del fegato e delle vie biliari (32), mentre le donne si ammalano principalmente di tumori della mammella (48), della trachea, dei bronchi e dei polmoni (24) e del pancreas (23).

11 Febbraio 2014