il network

Martedì 10 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


SPINO D'ADDA

Riti pagani al cimitero
Mistero e angoscia in paese

Rinvenute candele, chicchi di grano bruciati, zampe di gallina e gamberi: forse un omaggio funebre o un augurio di fertilità

Riti pagani al cimitero
Mistero e angoscia in paese

Il viale del cimitero e nel riquadro i resti trovati

Hanno trovato delle candele consumate, un sigaro e una zampa di gallina. E poi del grano fresco opposto a dell’altro bruciacchiato, con dei gamberi interi sui primi chicchi e spezzati su quelli anneriti. E poi un biglietto con un nome e una data. Il tutto a pochi metri dal cimitero, lungo la pista pedonale che si snoda dalla Paullese. Ieri, di fronte a quello che sembrava un altare posticcio, allestito per celebrare un rito pagano, gli esterrefatti scopritori hanno subito avvertito la polizia locale, intervenuta per eseguire i rilievi. Un mistero, anche perché ancora ora non si sa di che cosa si tratti. Esclusa infatti la possibilità di una messa satanica, potrebbe trattarsi di un rito propiziatorio o di un rito magico, spesso comuni alle popolazioni africane, sudamericane o asiatiche. Lungo la Paullese e la Cerca per esempio due anni fa erano state rinvenute le viscere di animali: riti voodoo utilizzati dai protettori per minacciare le prostitute, lanciando malefici per tenerle in loro balìa e scoraggiarle dalla fuga. Nulla a che fare, a quanto pare, con quello che è stato trovato a Spino. Qui pare invece che si tratti di un saluto funebre, oppure di un augurio di fertilità, più tipici della Santeria cubana o dell’animismo africano, culture che si fondono tra religiosità e magia.

09 Febbraio 2014