il network

Martedì 10 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


PAULLESE

Domani il bando per il secondo lotto milanese, lavori al via in giugno

Le code lungo la Paullese, un disagio costante
Domani la Provincia di Milano pubblicherà il bando di gara per l’assegnazione dei lavori relativi alla realizzazione del secondo lotto di riqualificazione della Paullese in territorio milanese, dal ponte sulla provinciale Cerca fino alla rotonda di Zelo Buon Persico. Scomparirà il contestatissimo semaforo di Conterico e al suo posto arriverà una rotonda e un cavalcavia. Mercoledì sera, a Paullo, è stata organizzata un’assemblea per raccontare come sarà la Paullese, a lavori ultimati. Il coordinatore locale di fratelli d’Italia Luca Lavinci ha introdotto i temi dell’incontro organizzato in sala consigliare, lasciando poi la parola al sindaco di Tribiano Franco Lucente (l’unico presente all’appuntamento) e quindi all’assessore provinciale Giovanni De Nicola che ha riferito sul prossimo intervento, supportato dallo staff tecnico dell’ente, rappresentato da Marco Di Raco. Il punto di partenza è l’apertura dei cantieri, che dovrebbero essere inaugurati in estate, probabilmente a giugno. "Abbiamo fatto di tutto per giungere a questo risultato — ha affermato De Nicola — e invito alla riflessione su questo punto: ha un senso fare un pezzo di strada nel territorio milanese e uno in tratto cremasco? Io credo sia una vergogna: è stato finanziato il tratto finale e iniziale, senza che nessuno pensasse a reperire risorse per il tratto congestionato. Peccato che il tratto in provincia di Milano era quello in legge obiettivo, quello più congestionato. A questo punto, se solo si fosse agito con logica, avremmo una Paullese agibile e finanziata dal ponte sull’Adda fino a Milano. Ma così non è". Finito il primo lotto milanese, con un risparmio di circa 10 milioni di euro, si parte con il secondo lotto. "Soldi ce li siamo andati ad inventare — aggiunge De Nicola —: 41 milioni di euro, 29 messi dalla Regione Lombardia, il resto nasce con l’opera di convinzione su Autostrade per l’Italia che stava costruendo un’altra strada, dirottando 6 milioni di euro sul secondo lotto della 415, un milione lo metterà la Provincia e 5 arriveranno dai risparmi sul primo lotto dei lavori della Paullese". Recuperati anche i 21 milioni per il superamento delle intersezioni semaforiche di San Donato, che metterà la Regione (attualizzando gli anticipi sui pedaggi di Tem): al posto dei semafori e delle intersezioni a raso verranno collocati dei sovrappassi, ma per questi lavori bisognerà però attendere il mese di settembre.

09 Febbraio 2014