il network

Mercoledì 17 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


Crema. Rimosse dalle aiuole montagne di sporcizia

Rifiuti alla Corte degli archi
Il Comune: "Caccia agli eco-furbi"

Ripulita la piazzetta di via IV Novembre dopo le proteste dei residenti, annunciati maggiori controlli e sanzioni a chi sporca

Rifiuti alla Corte degli archi
Il Comune: "Caccia agli eco-furbi"

I rifiuti alla Corte degli archi

Pulizia immediata dell'area e promessa di maggiore sorveglianza da parte della polizia locale, ma anche una tirata d'orecchie a condomini e esercenti della zona. Con un sopralluogo da parte dei tecnici dell'ufficio Ambiente, il Comune è intervenuto per verificare le condizioni della Corte degli archi, la piazzetta lungo via IV Novembre utilizzata dal 'popolo della notte' come abituale punto di ritrovo. Una presenza, quella giovanile, che lascia il segno: come testimoniato dalle fotografie che abbiamo pubblicato lunedì, la zona è spesso invasa dai rifiuti e dalla sporcizia, per la rabbia di chi ci vive e di chi ci lavora. “I tecnici – spiega il Comune - hanno constatato presenza di bottiglie e cartacce, mentre due addetti stavano correttamente provvedendo alla pulizia delle aiuole e dei cavedi di areazione dei parcheggi interrati, di pertinenza al condominio della Corte degli Archi”. A tal proposito, viene sottolineato che “nel recente passato la polizia locale fece presente all’amministratore che la rimozione dei rifiuti dal cavedio-aiuola è di competenza del condominio stesso”. Ce n'è anche per i titolari del pub che si affaccia sulla piazzetta, ai quali il Comune ricorda “come sia necessario collaborare al fine di mantenere in condizioni migliori l’intera zona”. Detto questo, alla polizia locale è stato comunque dato mandato di intensificare i controlli: “Visto l’atteggiamento recidivo di qualche maleducato – annuncia l'amministrazione -, gli agenti effettueranno una maggiore sorveglianza in loco con ulteriori controlli al decoro, non escludendo provvedimenti amministrativi”. L'episodio ha fornito l'occasione all'assessore Giorgio Schiavini per dichiarare guerra agli incivili: “Gli eco-furbi verranno controllati – annuncia - e invitati a rimuovere in tempi brevi i rifiuti illecitamente abbandonati. Questa mancanza di civiltà e di decoro crea un danno non solo all’ambiente ma anche alla collettività, chiamata a sostenere poi i costi per il loro mancato corretto smaltimento. Dovrebbe essere il buon senso delle persone a prevalere, ma sembra, purtroppo, che non sempre sia così.”.

05 Febbraio 2014