il network

Giovedì 21 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


BAGNOLO CREMASCO

Il racconto di Lino: "Le slot machines mi hanno rovinato"

Oggi è in cura a Rivolta d'Adda, la sua testimonianza in un incontro sulla ludopatia organizzato dal Comune

Il pubblico intervenuto all'incontro
BAGNOLO CREMASCO - Lino era un giocatore d’azzardo. Ora è ospite del reparto dell'ospedale di Santa Marta a Rivolta d’Adda dove è in cura per la ludopatia. Nei giorni scorsi, per la prima volta, ha raccontato la sua storia. Lino ha aperto con molta emozione l’incontro organizzato dall’assessore comunale alla Cultura Claudio Dagheti al centro culturale del paese. "Ero un uomo come tanti, che al mattino beve un caffè al bar, prima di iniziare la giornata», ha spiegato Lino. «Guardavo sempre i giocatori abituali che incontravo nel locale, criticandoli. Poi — ha ricostruito — un giorno mi avanzava un euro e l’ho giocato alla macchinetta, per scherzo". Da quel momento, la dipendenza prende il sopravvento. Il meccanismo del gioco lo inghiotte e inizia una sopravvivenza fatta solo di denaro e bugie. "Dopo il primo giorno da giocatore avevo già perso 200 euro. A furia di giocare per vincere, la perdita di denaro mi ha portato fino a 5.000 euro di scoperto". Lino racconta soprattutto la vergogna di svelare a moglie e figli la sua dipendenza dal gioco. Solo ora, con l’aiuto dell’associazione L’Approdo e della psicologa che lo segue, Lino ha potuto raccontare la verità ai famigliari, riprendere contatto con loro, anche se ritornare a essere una famiglia per ora è solo un obiettivo da riconquistare. "Spero di farcela, la mia famiglia è la mia forza. Ogni volta che ho un euro in più in tasca e passo davanti a un bar, subito penso a loro e mi passa la voglia di giocare". Dopo la testimonianza dell’ex giocatore, l’intervento di Mara Baronchelli per la Lega delle Autonomie. Facendo seguito alle sollecitazioni dei Comuni per avere voce in capitolo nell’ambito del gioco d’azzardo, la Lega ha sostenuto e accompagnato il manifesto dei sindaci, la raccolta firme e la proposta di legge mirata alla regolamentazione del fenomeno. 

03 Febbraio 2014