il network

Mercoledì 19 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Caso Foibe, FI attacca il neo consigliere di Rifondazione: "Sartori torni a lezione di storia"

Ancorotti e Beretta: "Il sindaco non ha bisogno di Rifondazione, i numeri sono dalla sua: faccia uscire il partito dalla maggioranza"

Caso Foibe, FI attacca il neo consigliere di Rifondazione: "Sartori torni a lezione di storia"
Altra bufera politica, questa volta sul neo consigliere di Rifondazione Comunista Camillo Sartori (ma di riflesso, come vedremo, anche sull’assessore alla cultura Paola Vailati), che ha preso il posto di Beppe Bettenzoli (dimessosi) all’inizio dell’adunanza di lunedì. Argomento, l’intervento di Sartori, durante il quale ha parlato anche delle Foibe. Bufera, l’ennesima di questi tempi, scatenata ieri in conferenza stampa da R enato Ancorotti e Simone Bere tt a, consiglieri di Forza Italia che parlano di "oscurantismo storico e culturale". Su tavolo la trascrizione della registrazione dell’i ntervento in aula Ostaggi dell’esponente di Rifondazione Comunista. Si legge tra altre cose: "E’ doveroso secondo me parlare brevemente della prossima giornata commemorativa che ci sarà tra un paio di settimane e voluta forse come riconoscimento amorale da parte della destra, da quelli che indossano la kippah ebraica il giorno della memoria e quando la tolgono l’indomani si inventano una Bossi-Fini, e creano con altre forze politiche nuovi lagher (...). Ebbene tale giornata del ricordo è il frutto del revisionismo storico dove c’è l’oltraggio del paragone tra le vittime partigiane e quelle repubblichine. Un’onta rispetto alla vita, alle opere e la morte delle migliaia di partigiani che hanno combattuto per liberare l’Italia dall’invasione nazista e soprattutto dai veri traditori della patria veri fascisti italiani". Ancorotti e Beretta: "A Sartori consigliamo di andare a rileggersi la storia. Ridateci Bettenzoli". I due esponenti di Forza Italia hanno poi alzato il tiro: "Vogliamo sapere, e lo chiediamo pubblicamente, cosa ne pensa l’assessore alla cultura Paola Vailati. Il 10 febbraio (giorno della commemorazione) si fingerà malata o sarà presente?" E ancora: "L’assessore Vailati e Sartori hanno le idee chiare e lo dimostrano in ogni occasione, mentre il sindaco Stefania Bonaldi è confuso. Se lei non rivedrà le sue posizioni finirà in un angolo e sarà colpa sua". La conclusione dei due consiglieri comunali: "Il sindaco non ha bisogno di Rifondazione Comunista perché i numeri sono dalla sua: faccia uscire quel partito dalla maggioranza".

31 Gennaio 2014