il network

Venerdì 20 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Donati 15 Ipad alla primaria di Borgo San Pietro

Il Rotary club Crema ha accolto e finanziato il progetto dell'associazione genitori della scuola

Cristina Rabbaglio, Aldo Ronchetti, Paola Orini, Mario Scaramuzza, Maria Luisa Crotti, Rosaria Brusaferri e Carola Ciaramella
Educare i bambini all’uso corretto dello strumento informatico, al fine di evidenziarne le potenzialità, e permettere agli alunni anche con disabilità di superare gli ostacoli e dare il meglio di sé. Con questi obiettivi Rotary club Crema e associazione dei genitori dei bambini della primaria di Borgo San Pietro hanno donato alla scuola 15 I-pad per l’attività multimediale in classe. L’iniziativa è stata presentata ieri pomeriggio alla primaria dal presidente del Rotary Mario Scaramuzza, affiancato dal segretario Aldo Ronchetti, e dalla presidente dell’associazione Maria Luisa Crotti. Con loro il dirigente scolastico Cristina Rabbaglio, l'assessore provinciale all’Istruzione Paola Orini, l’insegnante Rosaria Brusaferri e Carola Ciaramella dell’associazione genitori. "Il fondamentale sostegno economico del Rotary club Crema — ha spiegato la Crotti — ci consente di dare corpo al nostro progetto volto a sviluppare lo studio e l’insegnamento attraverso l’uso da parte degli alunni di mezzi tecnologicamente avanzati come gli I Pad. Una classe di bambini, grazie a questi strumenti, potrà lavorare in contemporanea, interagendo anche con la scuola dell’infanzia Montessori, dove già ci sono in dotazione gli I-pad". L’Associazione si impegnerà alla manutenzione dei laptop, all’a ggiornamento dei programmi installati ed all’acquisto di quelli nuovi. Gli I-pad rimarranno in comodato gratuito alla scuola. "Pensiamo così — hanno sottolineato i protagonisti della presentazione — di andare incontro alle esigenze dei bambini aiutandoli ad attrezzarsi per essere adeguati alle richieste del mondo scolastico ed in futuro del lavoro, sapendo gestire le proprie risorse ed avendo acquisito le necessarie abilità". Il progetto ‘Generazione web’sbarca dunque alla primaria, per far crescere giovani sempre più informatizzati, "senza però perdere di vista — hanno concluso i protagonisti — anche l’im port anza della manualità e del fare".

30 Gennaio 2014