il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Santa Maria, città divisa per oltre due ore ogni giorno

Il passaggio a livello si abbassa 36 volte e il traffico impazzisce. Le soluzioni sembrano lontane

Il passaggio a livello di viale Santa Maria a Crema

Martedì mattina della scorsa settimana la coda era interminabile. Colpa del passaggio a livello di viale Santa Maria: 15 minuti d’attesa in coincidenza dell’orario di punta, poco prima delle otto. «Un imprevisto», ci è stato spiegato. La normalità però è un'attesa di 4 minuti e se si considera che queste scendono per 36 volte nell’arco di una giornata i conti sono presto fatti: 144 minuti. Oltre due ore. Durante le quali la città rimane tagliata in due. Con tutti i disagi del caso, le arrabbiature con relative imprecazioni degli automobilisti, l’inquinamento e quant’altro.Va un po’ meglio a chi è in entrata alla città. Con le sbarre abbassate è immediata la svolta a destra, imboccando via Gaeta e poi il sottopasso di via Indipendenza. Poco importa se poi si deve allungare di qualche chilometro il percorso. E non a caso il traffico in via Indipendenza è aumentato del 20%.Coda, invece, in uscita dalla città verso il quartiere di Santa Maria e l’area a nord del Cremasco. Inevitabile.La questione è più volte entrata in aula Ostaggi, è stata fatta propria dai politici che si sono succeduti in consiglio comunale attraverso interpellanze, sono stati presentati diversi e pure suggestivi progetti. Il superamento della linea ferroviaria rimane legato alla riqualificazione dei 100mila metri quadri dell’area nord est. 

26 Gennaio 2014