il network

Lunedì 18 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


NOSADELLO

Caldaia rotta alle elementari
Alunni trasferiti a Pandino

Organizzato un pulmino supplementare gratuito Le cinque classi sistemate nei locali vuoti della scuola del capoluogo

Il locale mensa a Pandino ha ospitato anche i bambini di Nosadello
NOSADELLO — Caldaia in panne e 82 bambini della scuola elementare di Nosadello trasferiti alla primaria dI Pandino. Il trasloco è operativo da stamattina dopo che, già ieri, gli alunni di alcune classi della frazione del borgo visconteo avevano fatto lezione in palestra, mancando sufficiente riscaldamento in aula. I bambini della frazione sono stati trasportati gratuitamente con un pulmino aggiuntivo nella loro scuola provvisoria.Quelli di Pandino che frequentano l’elementare della frazione hanno raggiunto a piedi la scuola. Mamme e papà hanno ricevuto la comunicazione del trasferimento dal dirigente scolastico Maria Grazia Crispiatico nella giornata di ieri. "Fortunatamente — ha spiegato ieri la stessa preside — l’edificio di Pandino ha spazi più che sufficenti per ospitare le cinque classi di Nosadello". Ciò è dovuto al fatto che, dall’anno scorso, uffici e segreteria del plesso sono stati trasferiti alle medie, liberando alcuni locali. "La sistemazione delle cinque classi in più non ha creato problemi di tipo logistico" ha assicurato la preside. Tutto è stato fatto in un pomeriggio, durante la giornata di ieri. Una corsa contro il tempo resa possibile dal lavoro del personale comunale e scolastico. "La mensa — ha aggiunto l’assessore all’Istruzione Romana Camoli — è idonea per ospitare 240- 250 bambini, i 180 della primaria del capoluogo e quelli di Nosadello, senza dover prevedere due turni per il servizio. La Sodexo ha garantito i pasti necessari". Oggi la giornata si è svolta con buona regolarità, seppur con qualche disagio per i genitori dovuto all'improvvisa novità. Adesso si dovrà capire per quanto tempo la scuola elementare di Nosadello rimarrà chiusa, prima che venga ripristinato il funzionamento dell'impianto. Secondo i tecnici potrebbero essere sufficienti quattro o cinque giorni, al massimo una settimana.

23 Gennaio 2014