il network

Martedì 10 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Crema. Ezio Plizzari, 42 anni, stava andando al lavoro quando ha visto l'incendio

Ezio, eroe per un giorno
"Era un inferno di fiamme"

L'uomo, ieri a San Bernardino, è stato il primo a soccorrere la donna e i due figli rifugiatisi sul balcone mentre la loro casa andava a fuoco

Ezio, eroe per un giorno
"Era un inferno di fiamme"

Quel che resta dell'appartamento

«Macché eroe, ho solo sfondato la porta e cercato di tranquillizzare le persone all’interno fino all’arrivo dei vigili del fuoco. Poi sono andato a lavorare, avevo il primo turno ed ero già in ritardo...». Ezio Plizzari, 42 anni, non è tipo da autocelebrazioni. Fosse stato per lui, questa storia non l’avrebbe neppure raccontata. All’alba di ieri, però, è stato lui a soccorrere per primo la mamma e i due figli rifugiatisi in balcone mentre la loro casa andava a fuoco. E’ stato lui ad abbattere a calci la porta d’ingresso dell’appartamento all’ultimo piano della palazzina di via Brescia, a San Bernardino, a pochi metri da casa sua. Ed è stato lui, nonostante le fiamme e il fumo ovunque, a dare indicazioni ai tre inquilini in attesa che arrivassero i vigili del fuoco. «Erano le cinque e mezza del mattino — racconta l’uomo —, stavo andando al lavoro in macchina insieme a Morris Bianchessi. Appena partito da casa ho visto precipitare una scopa sulla strada e mi sono incuriosito. Così mi sono fermato e ho visto la donna coi due figli sul balcone della loro casa, usciva un gran fumo dall’interno, urlavano e chiedevano aiuto». Immediato l’intervento dei due uomini: «Ci siamo precipitati su per le scale e abbiamo abbattuto la porta. All’interno non si vedeva quasi niente, solo fiamme e una nuvola nera, un inferno. Ho cercato di rassicurare la donna e figli, di guidarli nei movimenti affinché restasse in posizione di sicurezza. Erano terrorizzati. Poi, per fortuna, sono arrivati i vigili del fuoco».

13 Dicembre 2013