Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA TRAGEDIA

La morte di Pietro, il gup: «È omicidio stradale»

A processo il giovane di Pandino che nel 2019, a Vaiano, in auto investì il 18enne dandosi poi alla fuga

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

22 Marzo 2021 - 18:15

La morte di   Petrisor, il gup: «È omicidio stradale»

VAIANO CREMASCO (22 marzo 2021) - Un sabato sera trascorso in discoteca in compagnia dei suoi amici, poi la tragedia. È la notte dell'1 settembre 2019, Petrisor (per tutti Pietro) si incammina verso casa. Ma nella sua casa a Palazzo Pignano non ci arriverà mai. Un'auto lo prende in pieno di spalle, sulla banchina. Il corpo di Petrisor fa un volo di 24 metri, finisce in una scarpata, nascosto tra l'erba e lì resterà sino al lunedì mattina. Perché l'automobilista è scappato. Petrisor Cioroaba aveva 18 anni, è morto sul colpo. Il suo investitore, Edgar Lucca, di Pandino, ne aveva 24. Accusato di omicidio stradale aggravato dalla fuga, sarà processato. Oggi il gup, Pierpaolo Beluzzi, lo ha rinviato a giudizio. La prima udienza si terrà il 22 settembre prossimo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400