il network

Sabato 23 Gennaio 2021

Altre notizie da questa sezione


NAS E ISPETTORATO DEL LAVORO

A Romanengo, Offanengo e Castelleone sanzionati i titolari di tre attività commerciali

In un ristorante cinese sono state riscontrate diverse irregolarità riguardanti la cattiva conservazione dei cibi e la scarsa pulizia: sequestrati 25kg di prodotti ittici e pasta ripiena

A Romanengo, Offanengo e Castelleone sanzionati i titolari di tre attività commerciali

ROMANENGO/CASTELLEONE (10 gennaio 2021) - Quella dell’8 gennaio è stata una giornata di intensi controlli da parte dei militari dei Reparti Speciali dei Carabinieri, coadiuvati dai colleghi delle Stazioni di Romanengo e Castelleone.

Il personale del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute – N.A.S. Cremona, impegnato nel piano di controllo in ambito nazionale, per contrastare i fenomeni fraudolenti, nonché verificare le condizioni igienico alimentari e l'osservanza delle norme anti Covid, coadiuvato dalla locale Stazione Carabinieri di Romanengo ha proceduto all’ispezione di due esercizi commerciali, in particolare un bar di Romanengo veniva segnalato all’Agenzia di Tutela della Salute della Regione Lombardia per inadempienze alle prescrizioni in materia sanitaria, mentre in un ristorante cinese di Offanengo, sono state riscontrate diverse irregolarità riguardanti la cattiva conservazione dei cibi e la scarsa pulizia, comminando alla titolare una sanzione amministrativa di 1000 euro ed il sequestro di 25kg di prodotti ittici e pasta ripiena.


A Castelleone, è intervenuto il personale del del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Cremona, con l’ausilio dei militari della locale Stazione, che ha provveduto al controllo di un’attività commerciale, gestita da due cittadini cinesi. L’attività ha permesso di riscontrare varie irregolarità, tra le quali anche quella relativa all’obbligo di sgombero delle uscite di emergenza. I titolari, una donna 66enne ed un uomo 22enne, venivano dunque deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Cremona, per due violazioni del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro che prevedono ammende fino 7000 euro. E’ stata inoltre irrogata una sanzione amministrativa di 3000 euro per non aver ottemperato a specifici adempimenti di natura formale nella gestione dei rapporti di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Gennaio 2021