il network

Giovedì 26 Novembre 2020

Altre notizie da questa sezione


DOVERA

Schianto mortale nel cantiere, omicidio colposo: tecnici assolti

Lungo la Paullese, vittima un 26enne: sono stati scagionati gli ingegneri della Provincia e il capo cantiere

Schianto mortale nel cantiere, omicidio colposo: tecnici assolti

DOVERA (29 ottobre 2020) - La sera del 23 aprile 2014 si era lanciato a folle velocità su quel tratto di strada con il cantiere mobile per il raddoppio della Paullese, tra Spino d’Adda e Dovera. Pestava forte l’acceleratore, Daniele: non meno di 110 chilometri all’ora per il consulente della Procura, non meno di 136 o di 140 chilometri per i consulenti della difesa. Sfrecciava Daniele Casali, 26 anni, di Boffalora. «Andava a manetta» per dirla con un testimone. Lo schianto contro il primo dei blocchi di cemento che recintavano il cantiere, l’impatto contro lo spigolo del secondo, la morte sul colpo. Una tragedia. Ma non hanno colpa i tre ingegneri dell’amministrazione provinciale Andrea Manfredini, Cristiano Rebecchi, Paolo Orlandi. E non ce l’ha nemmeno Nicola Battocchio, capo cantiere dell’impresa Carron appaltatrice dei lavori di raddoppio della Paullese commissionati dalla Provincia. Ieri sono stati tutti assolti dall’accusa di omicidio colposo ‘perché il fatto non sussiste’. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

29 Ottobre 2020