il network

Lunedì 26 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA. MUSICA POP-ROCK

Vent’anni e tante Cicatrici. Online il primo singolo degli Excape

Nato nel 2015, il gruppo ha realizzato un video girato a Villa San Michele di Ripalta Cremasca. «Un album è un traguardo da raggiungere: è una storia fatta di canzoni che racconta quello che sei»

Vent’anni e tante Cicatrici. Online il primo singolo degli Excape

Gli Excape sono un gruppo cremasco nato nel 2015 al debutto con il primo singolo e il primo video

CREMA (13 ottobre 2020) - È online il video del nuovo singolo della band cremasca Excape. Cicatrici è il titolo di una ballad intensa e che mette in risalto l’approccio fortemente emotivo e pop-rock di Marco Carelli alla voce, Flavio Savino alla chitarra, Jacopo Cipeletti alla batteria, Ruggero Guerini al basso ed Efrem Alberti alla chitarra. Nati nel 2015, gli Excape giungono alla pubblicazione del loro primo singolo (in distribuzione su tutte le piattaforme online) abbinando alla canzone un’ambientazione tutta cremasca al loro video.

Le immagini di Cicatrici sono state infatti realizzate a Villa San Michele, a Ripalta Cremasca, con la regia di Mirko Dante Marzani e Giacomo Manfredi. «Oggi - spiega la band - speriamo di poter entrare in studio velocemente perché abbiamo molte idee e tanti pezzi da arrangiare e pubblicare. La canzone è stata registrata il 10 gennaio, ma fra post-produzione, Covid e videoclip, i lavori sono andati a rilento e Cicatrici è stato lanciato solo ora». Inizialmente gli Excape erano votati maggiormente al rock, ma hanno via via contaminato il loro stile con larghe tracce di pop. Un connubio «che nel singolo è abbastanza evidente - racconta Carelli -, si sente infatti una certa impronta più sporca». Sebbene tutti ventenni o quasi, gli Excape si rifanno molto più a un linguaggio maturo, quello fatto di batterie e chitarre elettriche, piuttosto che al rap, oggi identificato come il più autentico linguaggio musicale contemporaneo delle nuove generazioni. «Ascoltiamo tutti un po’ di tutto in realtà, rap compreso anche se più americano che italiano. Io per esempio ascolto molto i cantautori italiani perché mi aiutano molto. Da Dalla a Bungaro, ma gli ascolti vanno anche dalle parti di OneRepublic e Imagine Dragons».
Non a caso gli Excape guardano anche alla classica forma-album, apprezzando solo fino a un certo punto la filosofia da singolo, o al massimo da EP, delle piattaforme online: «Abbiamo scelto di concentrarci su un singolo perché era la prima volta per noi in studio, vorremmo fare un EP, ma anche un vero e proprio album - spiegano -, perché è solo su quella lunghezza che si possono apprezzare tutte le sfaccettature di un artista. Un album è un traguardo da raggiungere: una storia divisa per canzoni che racconta quello che sei». Per ascoltare la band dal vivo, purtroppo, servirà pazienza. «Già prima del Covid - continua Carelli - i locali che facevano musica dal vivo erano in diminuzione e sicuramente c’è un po’ meno curiosità da parte delle persone, le stesse che poi magari nei concerti scoprono di divertirsi». Gli Excape hanno comunque già calcato palchi significativi come quelli del Druso di Bergamo, di CremArena e Teatro San Domenico. Il loro sito web è all’indirizzo https://excapeofficial.wixsite.com/music.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Ottobre 2020