il network

Lunedì 21 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Impianti e sport, regole e durezza per i furbetti

Nuovi criteri per disciplinare l’uso delle strutture comunali da parte dei fruitori: fino a dicembre campi e palestre gratis per le società, da gennaio chi non paga è out

Impianti e sport, regole e durezza per i furbetti

CREMA (14 settembre 2020) - Un nuovo regolamento con nuovi criteri per disciplinare l’uso e la gestione degli impianti sportivi, messo a punto dalla commissione sport. La decisione del Comune è di andare incontro alle società concedendo campi e palestre gratuitamente fino a fine anno, ma anche un giro di vite su chi, a partire dal prossimo, non pagherà le tariffe previste.

Tra i criteri che determinano la precedenza, la commissione ha inserito, oltre alla categoria, il numero di squadre e il numero di atleti disabili tesserati. La giunta comunale che ha approvato tali criteri, ha definito le tariffe per la stagione 2020-21.

Ai fini dell’assegnazione è stato predisposto uno schema di contratto, rivalutato anche alla luce dell’emergenza sanitaria in corso.  Il contratto di concessione dell’utilizzo dell’impianto prevede che al momento della consegna venga elencato lo stato di fatto in cui si trova. Fino a dicembre, l’utilizzo di campi e palestre, come detto, è concesso a titolo gratuito, sia per gli allenamenti sia per le gare di campionato. A partire dal mese di gennaio, e fino al termine della stagione sportiva, i costi per l’utilizzo sono calcolati solo per la parte riguardante l’attività degli atleti adulti (maggiori di 18 anni), mentre sarà ancora gratuito l’utilizzo per tutte le attività degli atleti minorenni. Il pagamento di quanto dovuto per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali dovrà avvenire entro 30 giorni dall’emissione della fattura. Questo per arginare il fenomeno della morosità, ancora diffuso. Il mancato versamento nei tempi stabiliti degli oneri dovuti pregiudica la possibilità d’uso delle strutture da parte del concessionario insolvente.

Le società utilizzatrici sono responsabili verso il Comune di ogni danno causato agli impianti ed alle relative attrezzature. Per questo, dovranno avere un’assicurazione per responsabilità civile e una in caso di danni a strutture ed attrezzature, oltre a un’assicurazione per i propri tesserati. Durante le ore di utilizzo dell’impianto, la società è responsabile dell’osservanza delle normative nazionali, regionali e locali in vigore per il contenimento del contagio da Covid-19 e deve provvedere alla fine del proprio turno di allenamento, alla pulizia ed alla igienizzazione delle attrezzature utilizzate. Il Comune provvede alla pulizia ordinaria a fine giornata, in maniera approfondita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 Settembre 2020