il network

Venerdì 25 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Picchia la moglie in strada, avvocata corre in soccorso

L’episodio di violenza nel tardo pomeriggio di martedì in via Carlo Urbino davanti a un locale pubblico, Cecilia Gipponi testimone di schiaffi e pugni: 'L’uomo si è stupito: per lui era normale'. Intervento dei carabinieri

Violenza sulle donne:  giornata di studio al teatro Monteverdi

CREMA (6 agosto 2020) - Strattonamenti e schiaffi alla moglie, in mezzo alla strada, a pochi metri da un locale di via Carlo Urbino, in cui alcuni cremaschi stanno bevendo un aperitivo. Tra loro, l’avvocato e volto della Rete Con-Tatto contro la violenza sulle donne Cecilia Gipponi, che non ha esitato nell’intervenire in aiuto della donna. E' accaduto martedì sera, intorno alle 19 ed «è stato davvero sconvolgente — racconta Gipponi —: guardando per caso fuori dal locale, mi sono accorta della scena. Un uomo stava strattonando la ragazza che lo accompagnava. Poi, le ha dato uno schiaffo. D’istinto mi sono alzata e sono andata sulla porta, urlandogli di smetterla. La cosa che più mi ha colpito è stata la sua reazione. Di stupore, in primis. E poi con quella frase, ‘ma è mia moglie’, che per lui era la naturale giustificazione al comportamento, come se gli fosse concesso».

La testimone del fatto continua a raccontare, ancora incredula e spaventata, l’evoluzione dell’episodio: «Il ragazzo si è messo a urlare, mentre la moglie piangeva e guardava verso di me. L’ho invitata a raggiungermi, a trovare rifugio all’interno del locale, mettendomi poi sulla porta d’ingresso. E così ha fatto, mentre ancora lui inveiva contro di me, solo a parole fortunatamente, ma urlando che la moglie avrebbe dovuto uscire e tornare a casa con lui. Nel frattempo, due uomini presenti nel locale si sono affiancati a me, sulla porta».

Gipponi ha anche immediatamente chiamato il numero d’emergenza 112, per richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. E ha scoperto di non essere stata la sola, perché sul posto è arrivato anche un altro giovane, in bici, che pochi minuti prima (da un’altra angolazione della via) «aveva già visto l’uomo sferrare anche dei pugni alla moglie».

L’uomo poi si è calmato ed è riuscito a raggiungere la moglie all’interno: «Non sappiamo esattamente cosa si siano detti, non siamo riusciti a distinguere la lingua in cui parlavano. Ma, dopo qualche esitazione, la moglie lo ha seguito». La coppia è riuscita quindi ad andarsene, prima dell’arrivo dei carabinieri, ma «siamo riusciti a prendere la targa dell’auto — spiega Gipponi — che abbiamo comunicato e segnalato, in modo che vengano fatti i controlli e gli accertamenti del caso».

Gipponi tiene a precisare: «Non si è trattato di una lite, ma di una vera e propria aggressione».

E, infine, lancia ancora una volta l’appello che è solita promuovere anche con Rete Con-Tatto: «Importante segnalare e denunciare, sia per le donne che subiscono, sia per chi viene a consocenza di questi fatti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

05 Agosto 2020

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2020/08/06 - 10:46

    C’e una signora che prima stava allo scranno più alto della Camera che dice che gli stranieri ci arricchiscono con la loro cultura e usi.

    Rispondi

  • They

    2020/08/06 - 06:47

    Integrazione? Cosa significa? Forse seguire anche le leggi del paese ospitante?

    Rispondi