il network

Mercoledì 12 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMA. PULLMAN DIROTTATO

Terrore bus: sindaco Bonaldi, sentenza vittoria Stato diritto

Il primo cittadino: "I ragazzi fecero gioco di squadra per salvarsi". Viviana Beccalossi (presidente del Gruppo Misto nel Consiglio regionale): bene, sentenza esemplare

Terrore bus: sindaco Bonaldi, sentenza vittoria Stato diritto

Stefania Bonaldi

CREMA (15 luglio 2020) - Per il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, la Corte che ha condannato a 24 anni l’autista che nel marzo scorso sequestrò 50 studenti della scuola Media Vailati «ha accolto pienamente le conclusioni della Procura e il pronunciamento mi pare sia dunque equilibrato». «Stamane ho avuto uno scambio di messaggi con qualche genitore dei ragazzi sequestrati e con la bidella Tiziana ed ero in costante contatto con il nostro Legale e confesso che l'attesa è stata snervante e carica di tensione. Ora risentirò tutti quanti», ha aggiunto. «La sentenza - sottolinea il primo cittadino - ci soddisfa perché riafferma interamente i nostri valori, il primo dei quali è il rispetto della vita, di tutta la vita, senza eccezioni e distinzioni e siamo soddisfatti anche perché è stata riconosciuta la nostra titolarità come Parte Civile, al fianco delle vittime». «Siamo felici si sia svolto un processo, non perché sperassimo in una qualche forma di vendetta sociale, ma perché ognuno potesse rappresentare le proprie ragioni, fiducioso che sarebbero stata valutate con senso di giustizia, perché questo deve accadere in un Paese democratico. È la vittoria - aggiunge - dello Stato di Diritto». Per Stefania Bonaldi, «ora l’augurio, per i ragazzi e le ragazze soprattutto, è di riuscire a metabolizzare quanto è accaduto (e certamente questo epilogo aiuterà ad elaborare i fatti ed il concetto stesso di giustizia e di responsabilità) e lasciarsi alle spalle questo drammatico episodio, senza rimuoverlo ma portando con sé quanto di buono è emerso anche in quel frangente: l’alleanza fra i ragazzi e il loro gioco di squadra».

“Una sentenza esemplare, che conferma come l’autore di quel gesto che abbiamo ancora negli occhi abbia agito lucidamente con finalità terroristiche. La decisione della Corte d’Assise di Milano è rigorosa e giusta: non dimentichiamo che solo il coraggio degli studenti sequestrati e la prontezza delle forze dell’ordine ha evitato una possibile strage”. Lo dichiara Viviana Beccalossi, presidente del Gruppo Misto nel Consiglio regionale della Lombardia, commentando la notizia della condanna a 24 anni di Ousseynou Sy 47enne di origini senegalesi imputato per aver sequestrato, dirottato e incendiato il 20 marzo del 2019 a San Donato un bus con a bordo una scolaresca di 50 studenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

15 Luglio 2020