il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Morte di Pamiro, autopsia: 'Il foro non è di un proiettile'

Esame eseguito, l'esito: non è uno colpo d'arma da fuoco che ha ucciso l'insegnante 44enne

Morte di Pamiro, autopsia: 'Il foro non è di un proiettile'

CREMA (30 giugno 2020) - Non è stato un proiettile ad uccidere Mauro Pamiro, l'insegnante 44enne dell'Itis Galilei di Crema trovato cadavere ieri mattina in una cantiere di via Mazzolari. Lo ha decretato l'autopsia eseguita oggi pomeriggio. Si tratta di un primo passo per arrivare a fare chiarezza su una vicenda che continua ad essere tinta di giallo. L'esame autoptico ha rivelato con certezza che il buco sulla fronte di Pamiro, del tutto simile a quello provocato una pallottola, non è dovuto ad alcun colpo d'arma da fuoco. Nessuno ha sparato al professore di informatica e musicista che abitava con la moglie - che ieri è stata sentita a lungo dagli inquirenti - ai Sabbioni. Gli agenti del Commissariato di Crema non escludono ancora alcuna ipotesi, dall’omicidio, all’incidente fino al suicidio. Poco il sangue trovato intorno al corpo il che significa che, se Pamiro fosse stato ucciso sarebbe accaduto altrove ad opera di qualcuno che poi avrebbe portato il corpo nel cantiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

30 Giugno 2020