il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMA

Centri estivi, è un mezzo flop

Dei 312 posti a disposizione solo 169 sono fino ad ora stati occupati complice anche il caro rette. Nove le proposte organizzate dal Comune con un’associazione: alcune rischiano di restare deserte

Centri estivi, è un mezzo flop

CREMA (29 giugno 2020) – Sarà ancora per la paura del contagio, sarà che a furia di doversi arrangiare - i figli sono a casa da fine febbraio, quando cominciò il lockdown scolastico i genitori si sono attrezzati diversamente, sta di fatto che le iscrizioni ai centri estivi comunali non decollano. Dei 312 posti disponibili per le iniziative al via domani, solo 169 sono stati occupati. Poco più della metà. C’è dunque il rischio che qualcuna delle nove proposte organizzate dal Comune con l’Associazione temporanea di scopo Impronte sociali (che raggruppa più cooperative) vada quasi deserta.
Da non dimenticare, inoltre, l’aumento dei costi a carico delle famiglie, inevitabile per via delle restrizioni dettate dalle regole anti contagio, a cominciare da una presenza molto più numerosa di educatori, dovuta alla necessità di organizzare i bambini in piccoli gruppi. Alla storica Colonia seriana a Santa Maria, ad esempio, i residenti quest’anno pagano 100 euro la settimana contro i 70 del 2019. Per i non residenti i centri estivi cittadini sono quasi inaccessibili, con una spesa schizzata a 260 euro settimanali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Giugno 2020