il network

Domenica 31 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Stress post traumatico, a Crema psicologo per i dipendenti comunali

Iniziativa del sindaco Bonaldi. Decine di dipendenti, durante la fase acuta della pandemia erano rimasti a casa in isolamento volontario, per essere venuti a contatto con colleghi contagiati dal Covid 19, o in quarantena in quanto colpiti dal virus

Stress post traumatico, a Crema psicologo per i dipendenti comunali

Il municipio di Crema

CREMA (21 maggio 2020) - Il personale comunale potrebbe soffrire di stress post traumatico. Decine di dipendenti, durante la fase acuta della pandemia erano rimasti a casa in isolamento volontario, per essere venuti a contatto con colleghi contagiati dal Covid 19, o in quarantena in quanto colpiti dal virus. Inoltre, ci sono stati anche casi di ricoveri ospedalieri e alcuni dipendenti hanno avuto lutti familiari. La ripresa, il ritorno al lavoro e al contatto con il pubblico, non sono affatto semplici. Si possono creare situazioni di tensione, dovute a paure di un nuovo contagio o comunque all’insicurezza che si è venuta a creare per una situazione del tutto inedita. Per queste ragioni l’amministrazione comunale ha deciso di garantire un supporto psicologico a chi ne avesse bisogno. "Abbiamo attivato – spiega il sindaco Stefania Bonaldi - uno sportello psicologico a supporto dei propri dipendenti per la gestione dello stress post traumatico sofferto in conseguenza dell’emergenza sanitaria. Ci siamo appoggiati all’associazione Emdr di Milano, i cui membri sono esperti nella branca della psicologia che affronta e gestisce lo stress post traumatico".

Questa la lettera che il sindaco ha scritto ai dipendenti:

"Care Lavoratrici e Lavoratori del Comune di Crema,

Intanto ben trovati a tutte e tutti voi, dopo tante settimane assolutamente straordinarie e cariche di fatiche e preoccupazioni per noi, per le nostre famiglie, per la nostra Comunità.

Vi scrivo intanto per dirvi che, come spero abbiate percepito pure nella straordinarietà del momento, lo sforzo di questi mesi nel nostro Ente è stato quello di perseguire molteplici obiettivi ed interessi, tutti meritevoli di attenzione e grande diligenza.

Da un lato, l'obbligo di garantire ai cittadini quei servizi "essenziali" che la nostra dimensione di Ente Pubblico non può mai sospendere, dall'altro l'impegno ad intraprendere, con fatica e con spirito di adattamento, le nuove strade del 'lavoro agile' e di una maggiore flessibilità della prestazione lavorativa, dall'altro ancora la attenzione alla tutela dei lavoratori e delle lavoratrici, con una applicazione scrupolosa delle regole e delle garanzie atte a creare un ambiente di lavoro sicuro.

Ed in tal senso voglio ringraziare tutti e tutte coloro, tantissimi, che si sono impegnati con dedizione, passione, generosità perché le cose funzionassero e perché i tanti problemi pratici in cui si incappava si trasformassero in opportunità e nuove e creative soluzioni.

Penso allo Smart Working e alla flessibilità, traguardi che ci parevano lontanissimi nella Pubblica Amministrazione e che invece abbiamo guadagnato e che necessariamente ora resteranno delle 'conquiste acquisite' della nostra modalità lavorativa. E non solo fino al 31 luglio, data che al momento sancirà la fine della fase emergenziale (e che ci vedrà quindi ancora per parecchie settimane in un regime di alternanza fra presenza, lavoro agile, turnazioni, ampliamenti d'orario), ma anche in futuro, anche dopo quel termine temporale.

Accanto a tutto questo vi scrivo perché, proprio per il fatto che l'emergenza Covid ha toccato in modo molto significativo anche il nostro Comune, e direttamente o indirettamente molti di noi, con la Giunta ci siamo chiesti quale aiuto potere mettere in campo.

Abbiamo dunque scelto di avvalerci di una realtà esperta nella gestione dello stress post traumatico, per garantire il necessario supporto psicologico a quanti fra voi, lavoratori e lavoratrici, per varie condizioni, personali (malattia, lutti, isolamento) o lavorative (gestione pratiche che, per tipologia e numero, sono risultate, proprio anche dal punto di vista psicologico, particolarmente gravose) avvertano il bisogno dell'aiuto di un professionista dedicato.

Abbiamo così assegnato un incarico a professioniste della Associazione EMDR, che già efficacemente ha supportato la nostra Comunità in occasione di un altro evento traumatico e assai grave accaduto un anno fa nella nostra Città.

Nelle prossime settimane riceverete informazioni in più su questo sportello psicologico e sulle modalità per fruirne,

lasciate ovviamente alla decisione e al sentire di ciascuna e ciascuno di voi.

Mi auguro che questa decisione vi faccia percepire quel senso di appartenenza e di 'Comunità' che nel nostro Comune noi Amministratori abbiamo avvertito con grande nettezza durante questa emergenza e che ci ha commosso, e al contempo faccia sentire la vicinanza concreta del nostro Ente a tutti e tutte voi.

Grazie di cuore ancora a ciascuno e ciascuna di voi per le tante prove di impegno, di competenza e tenacia che avete offerto in queste settimane e che gli assessori ed io abbiamo misurato in innumerevoli circostanze!".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Maggio 2020