il network

Sabato 30 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Teatro a Crema: giù il sipario

Venticinque in cassa integrazione, addio a tutta la seconda parte della stagione e a metà della prossima. Il lockdown ha causato chiusura della sala e azzeramento degli introiti. Per gli abbonati voucher di rimborso

Teatro a Crema: giù il sipario

CREMA (20 maggio 2020) - Emergenza Covid-19 e lockdown. Vietati gli assembramenti e, di conseguenza, chiusi i luoghi in cui l’affollamento non solo è previsto, ma è parte integrante dell’attività. E così, il teatro si è fermato, a Crema come in tutta Italia, soffrendo inevitabilmente le conseguente di questa emergenza. Addio a tutta la seconda parte della stagione 2019-2020, che avrebbe previsto ancora prosa e spettacoli per ragazzi, oltre a numerose ospitate musicali. Senza contare, i due mesi di Crema in scena e Crema in scena danza, rassegna di punta per le compagnie amatoriali e le scuole di danza del territorio. Addio, con grande probabilità a una buona parte anche della stagione 2020-2021, almeno nella forma tradizionale di un’annata teatrale. Poco ha cambiato l’annuncio da parte del premier Giuseppe Conte, di una riapertura dei teatri dal 15 giugno.
Il personale della Fondazione è tutto in cassa integrazione, a zero ore. E con personale della Fondazione, non si intendono solo gli impiegati, gli addetti e le maestranze del teatro. Ma anche i dipendenti dell’altra grande realtà del complesso: vale a dire, la scuola di musica Luigi Folcioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Maggio 2020