il network

Lunedì 18 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


SPINO D'ADDA

Mensa scolastica, è allarme povertà

Aumentano i casi dei bimbi da aiutare: da 5 a 12 casi. La Soldarietà quest’anno spenderà circa 8.000 euro. Con il progetto «Aggiungi un posto a tavola» pasto pagato ai segnalati dal Comune

Mensa scolastica, è allarme povertà

Rino Ferri, Franco Meazza, Mary Sangalli, Stefano Rancati, Carlo Cornalba, Angelo Fugazza

SPINO D'ADDA (20 ottobre 2019) - Un boom di bambini i cui genitori non hanno risorse economiche sufficienti per poter pagare loro la mensa scolastica. Da inizio anno scolastico sono 12 gli alunni che rimangono in refettorio solo grazie all’associazione «La Solidarietà», che versa il costo del pasto, di poco inferiore ai 4 euro. «Nello stesso periodo di un anno fa ci facevamo carico di cinque-sei bambini» spiega il vicepresidente Carlo Cornalba. La spesa per questo servizio in favore della comunità è dunque destinata a schizzare verso l’alto: dai 5.300 euro complessivi del 2018, si andrà quasi a 8 mila a fine dicembre. Con il progetto «Aggiungi un posto a tavola» si sostengono i costi per la mensa scolastica di minori appartenenti a famiglie disagiate che diversamente non potrebbero farvi fronte. La selezione dei bambini che beneficiano della gratuità è fatta dai Servizi sociali del Comune, però la spesa è interamente sostenuta dalla onlus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Ottobre 2019