il network

Giovedì 17 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


SVOLTA PER LA PAULLESE

Via al raddoppio nel Milanese

Completati gli interventi preliminari al cantiere lungo il tratto compreso tra la Cerca e il rondò della Tem. A fine mese operai al lavoro per realizzare il nuovo tracciato, sarà ultimato entro due anni

Paullese

CREMA (11 ottobre 2019) - Entro due anni, eccezion fatta per i tre chilometri fra il rondò della Tem e il ponte che scavalca l’Adda a Spino, l’ex statale Paullese sarà interamente a doppia corsia per ogni senso di marcia. Insomma, raddoppiata.
A fine mese, verranno infatti accesi i motori dei bulldozer, destinati a ricavare il nuovo tracciato, compreso tra la rotatoria della provinciale Cerca e lo svincolo che porta al casello della Tangenziale esterna milanese. A confermare il cronoprogramma dei lavori, rimasti impantanati per un anno e mezzo nelle pieghe del ricorso presentato dall’impresa seconda classificata nella gara d’appalto e risolto solo da un pronunciamento del Consiglio di Stato, è lo stesso staff di Arianna Censi, vicesindaco della Città metropolitana milanese, titolare dell’opera che richiederà un investimento di 20 milioni di euro (23 quelli stanziati a base di gara).
Il tutto, mentre le nuove arcate destinate a oltrepassare l’Adda alle porte di Spino restano ancora in attesa del progetto esecutivo, presupposto all’assegnazione del cantiere da 18 milioni di euro, destinato a tradurre in realtà il sogno di una Paullese a scorrimento veloce, eliminando l’imbuto al confine tra Cremasco e Lodigiano (attualmente il ponte è a una singola corsia per ciascun senso di marcia). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Ottobre 2019